Vota Antonio

 

clip_image0031.jpg

VOTA ANTONIO

 

1)Na fiata, tantu  tiempu  rretu,

   lu Pippi Rricu, quetu quetu,

   nu chilu te pasta nde bastava

  e nu beddhru votu se bbuscava.

 2)E  nc’era puru la Bbunnanzia,

   na cristiana ca se tìa te fare;

   e ci cchiùi nde purtava crianza,

   percé nu postu nd’ìa thruare.

 3)Ci tenivi nu fiju sfurtunatu,

    ca  i cuncorsi  nu vincìa mai,

    pensava iddhra cu te lu sistema

    a nu postu statale, ci nu osci crai.

 4)Sta’ cristiana, jata iddhra,

   a mparatisu a forza àve stare,

   ghera già santa cquài a ‘nterra,

   percè i miraculi sapìa fare.

 5)Cusì li visciu jèu, a mparatisu:

    la Bbunnanzia e lu Pippi Rricu

    ca passèggiane e cu la ucca a risu

    quàrdane quiddhri ca sistemara

    e ca recumaterna nu nde rrecitara.

 6)Poi vinne n’addhru longu longu

   ca tuttu l’oscu fice scappare,

   e a ogni argulu ca scappava

   fierru e cimentu fice chiantare.

 7)Quiddhra foe na cosa brutta,

   ca ciuveddhri ìa bbutu fare,

   e cinca sta’ cosa l’àve fatta

   a l’infiernu ave scì spicciare

 8)Moi cu sti tiempi nosci,

   ca nu nc’è postu pe’ ciuveddhri,

   tutti sta’ se nde vannu susu,(al nord)

   cagnulasthri e vagnuneddhri.

  E s’u rimasti sulu ci tene tanti anni,

 e s’u chini te quai, chini te malanni.

 9)Perciò, moi gghè rrivata l’ora

      bbona pe’ tutti li ‘nfermieri,

      prima ciuveddhri l’ìa mai              

      pensati, finu a l’addhru ieri.

 10)E li vecchiareddhri nosci

     se li tènene bboni tutti quanti,

     percè osci su’ l’infermieri

     ca fannu miraculi, nu su’ li santi.

 11)Li santi?

     Li poti precare osci

     e li prechi puru crai,

     ma ci t’ài fare li raggi,

     nu te càcciane te i< span>  quai.

 12)Mannaggia a mie!

     aggiu sbajiatu mestiere,

     ìa bbutu fare lu ‘nfermiere!!!

 13)Però, nu facimu

      te tutte l’erbe nu mazzu,

      ca  nc’è ‘nfermieri bboni

      puru a Culupazzu

 

 

VOTA ANTONIO

 

Tanto tempo fa, a Collepasso

c’era chi, senza fare il gradasso,

“arricchiva” la tavola della povera gente,

chiedendo poco, a volte quasi niente!

 

Era un certo G. E.1), un commerciante

aveva buon  cuore, ed era benestante;

pasta, conserve, di tutto commerciava,

gli bastava un voto e lui ti aiutava.

 

E con stile, con educazione e creanza,

insieme a una signora, di nome Abbondanza,2)

oltre a spaghetti e scatole di pomodoro,

ti trovavano anche buoni posti di lavoro.

 

Sindaco e sindachessa, eletti e acclamati,

governaron Collepasso, furon rispettati.

Arrivato il giorno che contaron poco o niente,

nessuno ricordò più dell’aiuto a tanta gente.

 

Or li vedo in alto, sereni a passeggiare,

e dall’alto osservano chi vollero aiutare,

con lo sguardo dolce e la bocca a riso,

scrollano il capo, passeggiando in paradiso.

 

Poi arrivò un altro stile clientelare,

che il bosco un dì fece sradicare,

e ad ogni albero che si spiantava,

ferro e cemento, si edificava.

 

Anche Collepasso ebbe il suo corso:

e fu speculazione, senza rimorso.

Iniziò una fase, molto brutta,

l’ambiente, la natura, veniva distrutta.

 

Ora i tempi sono assai cambiati,

son più neri, son tanto peggiorati;

i giovani son costretti ad emigrare,

genitori e nonni devono abbandonare.

 

Così son rimasti solo chi ha tanti anni,

pieni di acciacchi, pieni di malanni.

E tra una cura, lastre, analisi e affini,

han bisogno di cure più dei bambini.

 

Ora è la volta buona degli infermieri

nessuno ci pensava fino all’altro ieri.

Così il villaggio è quasi un dormitorio,

mentre di bambini resta vuoto l’oratorio;

 

e siccome che i santi si fan troppo pregare,

chiamano l’infermiere e il miracolo sa fare.

L’infermiere in cambio, il voto chiederà,

così la politica a mignotte se ne andrà.

 

Però, non tutti han queste ambizioni,

ci sono, e son tanti, gli infermieri buoni!

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *