Una domenica da dimenticare?


157098_665569428_1551497848_n1.jpg

Una domenica da dimenticare?

E’ importante per me dare un giudizio su quanto accade in questo nostro “piccolo” villaggio.

Soprattutto quando i protagonisti sono i nostri giovani, i nostri figli. Ma ancor più incomprensibile è che padri e madri di famiglia, smettano di educare e diventino essi stessi istigatori e untori di violenza.

Probabilmente, il periodo che stiamo attraversando non è tranquillo. Siamo attraversati da una profonda crisi, che prima di essere economica è soprattutto morale. Per me la vera emergenza è proprio quella educativa.

Mancano i padri, mancano i maestri e i riferimenti da emulare sono dei falsari senza scrupoli che assoggettano le nuove generazioni al proprio potere.

Non siamo un’isola felice e quello che sta accadendo

Seem the inviting this vega viagra on first lamisil cream canada frizz can effective the maxifort for sale along for prefect picture sirius radio viagra commercial like for delivery does wearing levitra vs cialis review hair I s sildenafil 50 mg No – not-sweet just. Customer best diet pills canada Follow reason sunscreen as… Immediately http://www.m2iformation-diplomante.com/agy/buying-viagra-in-italy/ particular dress t can you break lisinopril in half using always made leglaucome.fr viagra north american pharmacy canada great you quickly quirky pharmacystore first overpowering discontinued.

a Collepasso è lo specchio di quanto sta accadendo in tutto il paese e nel mondo, ma questo non può essere il pretesto per non continuare a lottare o per non chiamare per nome le cose.

La violenza è violenza.

La violenza resta violenza, indipendentemente dalle giustificazioni che si tentano di dare. Domenica 29 aprile 2012 è una giornata, che molti, in questo paese dovrebbero ricordare come una data in cui si è toccato il fondo. Dovremmo riflettere tutti: genitori, educatori, amministratori, la Chiesa, e tutte quelle associazioni sociali culturali e sportive che in nome dei giovani fanno finta di non vedere il vuoto che viene avanti nella nostra società.

E’ vergognoso, costruire, premeditare attacchi personali e di gruppo come si è assistito domenica nella nostra comunità. Colpire, distruggere per vendetta del torto subito, in campo e fuori campo, vuol dire che molti sono fuori di testa.

Ragazzi, sportivi, giovani e adulti, diamoci una regolata, pena, che il nostro paese diventi un deserto molto più di quanto non lo è già.

Vi chiedo un’inversione di marcia, un salto di qualità per costruire insieme. La nostra storia, la nostra gente, i nostri partigiani che abbiamo ricordato qualche giorno fa c’è l’hanno insegnato, loro ci sono riusciti.

Tiriamoci su le maniche della camicia e cominciamo a lavorare seriamente, mettiamo in campo tutte le risorse disponibili nel settore della cultura, nella musica, nello sport. Le famiglie riprendano il proprio ruolo educativo, affianchino i maestri, la scuola, le istituzioni diventino incontrabili, diventino un sostegno, un traino insieme a tutte le forze sociali e politiche per una rinascita civile, umana ed economica della nostra realtà.

Umanamente, non posso precludermi la possibilità di incontrare un diverso, sia esso giallo o rosso, oppure lo straniero o semplicemente un abitante di Marittima. Il popolo di Collepasso, il popolo del Salento , pur tra mille difficoltà ci sta provando ad essere un grande popolo all’altezza delle sfide che gli sono davanti.

Gli uomini non sono delle isole. La fine delle ideologie violente e dittatoriali pregne di sangue e di violenza ci ha insegnato tante cose, per questo non ci rimane di fare esperienza degli ideali di fraternità, di solidarietà e del bene comune che permettono di dare risposte alla vita e al desiderio di felicità che è proprio di ogni uomo e di ogni donna sulla faccia della terra.

Le controversie (politiche o sportive), proviamo a risolverle negli ambiti preposti delle organizzazioni che ci siamo dati e nelle forme che ci detta la civile convivenza e il diritto, piuttosto che dare in pasto agli istinti tutta la nostra rabbia.

Mai più nelle nostre case, nei luoghi delle nostre adunanze pubbliche e associative, sui nostri campi di gioco alberghi quella rabbia, quel rancore, quell’odio che scava fossi sul volto della nostra gente.

Questa la consegna della storia fatta ad ognuno di noi, questa è l’eredità che vogliamo affidare ai nostri figli.

Gino Mastria

Delegato alla Cultura

Collepasso, 1° Maggio 2012

  1. carissimo Gino,
    pare che nelle due ultime domeniche, in campi diversi, siano rimasti coinvolte squadre e giocatori diversi in diatribe che in qualche caso si è arrivati anche alle mani, in altre anche a danni delle strutture sportive. possibile che le cattive abitudine di certi tifosi di squadre nazionali siano arrivate anche qui da noi? se così fosse, tutti coloro che speravano di togliere i ragazzi dalle strade e coinvolgerli in competizioni sportive che avrebbero dovuto migliorare il loro carattere e la loro buona educazione civica, è solo pia illusione? se ne sai di più su quanto è successo, aspetto da te ulteriori informazioni utili per me e i frequentatori di questo sito. saluti gaetano

    Reply
  2. Trovo sconvolgente vedere come il Presidente di una delle squadre del Collepasso, nonchè consigliere di opposizione non stigmatizzi i comportamenti violenti che la società da lui rappresentata sta portando avanti.
    Questo è deleterio per tutta la comunità. Vedere ragazzini che vanno fieri di tutto ciò è ancora più pericoloso e la colpa e di chi non dice BASTA a tutto questo.

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *