SULLA TANGENZIALE

SULLA TANGENZIALE

 

Tangenziale-Comitato

La proposta del “comitato dei cittadini”, il quale  aveva raccolto circa 700 firme  per un’alternativa alla tangenziale sud di Collepasso sulla direttiva Gallipoli-Otranto così come era stata decisa dal consiglio comunale del 4 aprile 2012, quindi, dall’attuale amministrazione del dott. Paolo Menozzi, è stata rigettata quasi all’unanimità, fatta eccezione del consigliere Rocco Sindaco. Nello stesso tempo viene approvata, quasi all’unanimità, il ritorno al progetto iniziale con alcune modifiche al progetto iniziale, progetto che fu voluto ed approvato dall’amministrazione precedente del dott. Vito Perrone nel 2010. In quel progetto non era prevista quella pessima bretella voluta ed ottenuta dall’amministrazione di Parabita, in seguito accettata, sia dall’amministrazione Menozzi, che dall’amministrazione provinciale. Quindi si ritorna alla proposta originale con poche e modeste modifiche, quanto meno, è meno dannosa, meno devastante per l’ambiente. Possiamo dire che ha prevalso il buon senso? Alcuni lo diranno con convinzione, altri con qualche dubbio, i promotori dell’alternativa, di certo, la giudicheranno una pessima decisione.

 

Non mi sottraggo nel fornire una mia opinione sul tutto. Certo, l’alternativa proposta dal “comitato dei cittadini”, proponeva una tangenziale nord più corta, con meno rondò, con meno spesa complessiva, però, nello stesso tempo assorbiva parecchi ettari di ottima terra coltivabile e la strada era tutta da costruire, nessun tratto era coperto di strade esistenti. Mentre sulla tangenziale sud, se da un lato è più lunga e più costosa, quanto meno la strada, per due terzi è già esistente, si tratterà solo di allargarla; ci saranno più rondò, sette, forse otto, certamente un’esagerazione. Però, a sentire gli ambientalisti quel progetto sarebbe un’opera che deturpa l’ambiente, distrugge alberi secolari di ulivi, deturpa e sfigura, vìola la  naturale presenza di tante piante: “l’eliminazione di essenze botaniche di pregio, danneggiamento di scarpa-te, stravolgimento di ampie aree di valenza paesaggistica, enorme consumo del suolo, eliminazione di consistenti tratti di murature in pietra a secco, alterazione  significative dell’assetto idrogeologico, riduzione del processo di fotosintesi. Infine una quantità considerevole di cemento e catrame”. Tale  è stato definito da “Italia Nostra” e dal “comitato dei cittadini”.

Non può sfuggire, però, che questa tangenziale, comunque, farà felici alcuni e farà incazzare altri. Nascondere che ad alcuni può far comodo l’una o l’altra, sarebbe atteggiamento ipocrita. C’è chi ci guadagnerà e chi ci perderà, questo è poco ma sicuro.

F.to gaetano paglialonga

Collepasso, 15/2/2014

*****

 

In data dieci gennaio c.a. avevo inserito queste osservazioni di Antonio Ciccardi a proposito della spazzatura che qui di seguito potete prendere visione.  A questo allarme per i costi, il consigliere comunale di minoranza Gianfreda Pantaleo aveva inoltrato “un’interrogazione al Sindaco sulla raccolta differenziata ed ecotassa”. Segue la l’articolo di Ciccardi e la risposta del sindaco al consigliere Gianfreda.

 

*****

Da Antonio Ciccardi ricevo e pubblico

L’AMMINISTRAZIONE DORME E DANNEGGIA I CITTADINI.

 

GIA’ NEL MESE DI AGOSTO U.S., AVEVO MESSO IN EVIDENZA IL PROBLEMA DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA, OSSIA CHE PER INCURIA DEGLI ATTUALI AMMINISTRATORI ERA CROLLATA INTORNO AL 18%-20%, E CHE TALE SITUAZIONE AVREBBE CREATO UN FORTE DANNO ECONOMICO A CARICO DEI CITTADINI, QUESTO SI E’ PUNTUALMENTE VERIFICATO CON L’INIZIO DEL 2014, CON L’INTRODUZIONE DELLA ECOTASSA PREVISTA DALLA REGIONE PUGLIA.

 

L’AMMINISTRAZIONE, SE SOLO AVESSE AVUTO LA CAPACITA’ DI INCREMENTARE IL SERVIZIO DI RACCOLTA DIFFERENZIATA CON DEI MOMENTI   DI SENSIBILIZZAZIONE, INVECE DI STARE CHIUSA A DISCUTERE SOLO DEI PROBLEMI DI NATURA PURAMENTE PERSONALE INTERNI ALLA MAGGIORANZA, OGGI SI POTEVA REGISTRARE UN AIUTO AI CITTADINI E NON UN DANNO ECONOMICO COME SI E’ PUNTUALMENTE VERIFICATO.

 

AMMINISTRATORI, SE ANCORA NON SIETE INFORMATI, COSA CHE PER GLI AMMINISTRATORI  NON DOVREBBE ACCADERE, MA PER LE PERSONE DI QUESTA AMMINISTRAZIONE E’ UNA COSA TANTO NORMALE DA NON SEMBRARE VERA, VI PORTO A CONOSCENZA CHE AVETE ANCORA SEI MESI DI TEMPO PER RECUPERARE ALMENO IN PARTE INCENTIVANDO LA RACCOLTA DIFFERENZIATA, ARRECANDO COSI’ UN DISAGIO ECONOMICO PIU’ CONTENUTO PER I CITTADINI.

 

AMMINISTRATORI USCITE DAL SONNO PROFONDO,

LASCIATE FUORI I VOSTRI PROBLEMI PERSONALI,

OGNI TANTO PENSATE AL BENE DELLE CITTADINANZA,

 

VI HANNO ELETTI PER AMMINISTRARE BENE E NON PER FARE DEL MALE.

 Antonio Ciccardi

COLLEPASSO 10/01/2014

*****

 clip_image0029

COMUNE DI COLLEPASS

Provincia di Lecce                       

Prot.n° 742                                                                                     Collepasso, 11.02.2014

                                                         Al  Consigliere Comunale

                                                                             Dott. Pantaleo GIANFREDA

 

Oggetto: Risposta alla  Vs.  interrogazione “situazione raccolta differenziata ed ecotassa”

 

In relazione all’ interrogazione inerente l’oggetto, fornisco di seguito i chiarimenti richiesti.

Per quanto concerne i motivi della contrazione della differenziata nel corso del 2013, rispetto al 2012,  segnalo  che si tratta di una contrazione di modestissima entità non riconducibile a circostanze  particolari posto che il decremento non supera lo 0,70%.

Con l’occasione,  rilevo che, con riferimento all’ultimo triennio, la percentuale di raccolta differenziata è,  comunque, aumentata di quasi un punto percentuale, e questo,  grazie all’opera di  sensibilizzazione posta in essere dall’Amministrazione Comunale attraverso l’organizzazione delle giornate ecologiche che, annualmente, sono state realizzate, a differenza di quanto da Lei asserito  nell’ interrogazione. Queste iniziative hanno contribuito  all’aumento della percentuale  dal 21,009%, del 2011,  al 22,689 % del 2012 per raggiungere,  il  21,991%  nel 2013. (ANNO 2008:15,334%, ANNO 2009: 20,661%, ANNO 2010: 19,87%)

Quanto all’obiettivo di incrementare il quantitativo di differenziata, anche al fine di beneficiare delle riduzioni previste della normativa regionale della cosiddetta “Ecotassa”, faccio presente che per conseguire le percentuali previste dalla normativa regionale è necessario procedere al cambiamento del sistema di raccolta differenziata. È, infatti,  provato che un sistema di raccolta, come l’attuale, previsto dal contratto in essere,  non prevede la selezione, in casa,  della frazione organica, non consentendo il raggiungimento delle percentuali previste per godere dei benefici sugli oneri di smaltimento. Per questo motivo, la legge regionale 20 agosto 2012 n° 24 ha demandato agli “Ambiti di Raccolta Ottimali”  l’obbligo di riorganizzare il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani per il conseguimento delle percentuali di differenziata previste dalla normativa.  Il Comune di Collepasso, facendo parte dell’Ambito Raccolta Ottimale n°  6 della Provincia di Lecce, sta partecipando  alla definizione dell’iter per addivenire all’affidamento dei servizi di spazzamento, raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani modulati secondo la disposizione che prevede la differenziazione della frazione organica con lo specifico obiettivo di raggiungimento di quelle percentuali che consentono il risparmio sull’ “Ecotassa”.

Nelle more di affidamento di tali servizi,  all’Amministrazione Comunale è inibito, per legge, l’espletamento di nuove gare per l’affidamento del  servizio di raccolta con modalità di esecuzione diversa dall’attuale. Oltretutto,   il cambiamento di sistema di raccolta presuppone la necessità di un grosso investimento in attrezzature economicamente non sostenibile qualora venisse ammortizzato su un periodo di tempo breve rispetto a quello previsto dall’A.R.O.

Infine,  dalla lettura della determinazione n. 276 del 27.12.2013 del Servizio Ciclo dei Rifiuti e Bonifica della Regione Puglia, con la quale viene stabilita la misura dell’Ecotassa per l’anno 2014, emerge che solo 3 Comuni della Provincia di Lecce  superano di poco la soglia del 30% e  solo 8  Comuni del Provincia superano la percentuale di differenziata conseguita dal Comune di Collepasso.

Dal quadro complessivo della situazione emerge l’impegno dell’Amministrazione Comunale a raggiungere gli obiettivi ottimali, con la collaborazione dei cittadini e delle Istituzioni.

 

Il Sindaco

Dott. Paolo Menozzi

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newer Post
Older Post