SE AVESSI MILLE EURO AL MESE…

 

 SE AVESSI MILLE EURO AL MESE…

                                             immagine-345.jpg   313526_10150440307727855_196502997854_8503107_197686889_n1.jpg

                                               i vecchi al lavoro secondo Monti

 A giudizio del Governo dei banchieri dei tecnici e dei generali, i pensionati che hanno raggiunto questa cifra, i mille euro al mese, sono fortunati a tal punto che si rende necessario bloccare la rivalutazione dell’inflazione, altrimenti c’è il rischio che si produca una massa tale di ricchi che sarebbe intollerabile per le casse dell’INPS, quindi dello Stato.

Mentre sarebbero dei “falsari” quei loro stessi Istituti di Statistica, i quali sostengono che, con mille euro al mese si è poveri in canna. L’operazione per pensionati e pensionandi, complessivamente produce un risparmio per le casse dello Stato di 12 miliardi. Ma lo stesso Governo sperpera 18 miliardi per comprare 131 caccia bombardieri F35. Del resto è comprensibile! Mentre di pensionati al governo non c’è traccia, di generali esponenti della NATO, abbiamo il generale Di Paola!!!

 clip_image334.jpg

            Questa assurdità va spiegata in questo modo: si stanno attrezzando per portare la democrazia in Siria e in Iran, quindi sono strumenti, i bombardieri, che serviranno più di quanto serve il pane ai poveri! Così, mentre noi, in una “democrazia” ridotta a simulacro, ci costringono alla fame, si cerca di esportare la democrazia in altre nazioni al fine di affamare anche loro! Tutto in nome della globalizzazione dei mercati, della finanza, della speculazione, i quali, a loro dire, stanno sostenendo la crescita globale, ma che in realtà stanno affamando miliardi di esseri umani a vantaggio di pochi pescecani affaristi. Bestie, queste, che “hanno natura sì malvagia e ria…”

            Insomma, a salvare l’Italia, sono chiamati a pagare coloro che all’Italia hanno solo dato! Chi invece ha rosicchiato in mille modi fraudolenti le casse dello Stato, sono invitati a continuare nella loro opera di demolizione della finanza pubblica. In Italia negli ultimi vent’anni è sempre stato così: ogni volta che si è verificato un cambiamento, ha comportato sempre un passo indietro per la giustizia sociale, per l’uguaglianza. Ogni volta che si è affacciato un nuovo governo, ci ha fatto sentire sempre un pizzico di nostalgia per il governo precedente. Così passiamo da un governo puttaniere, ad un governo del banchiere. Come dire, dalla padella nella brace!!!

F.to gaetano paglialonga

Collepasso7/12/2011

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Older Post