Salvo da Vigata

 

cc2d59a00ed489a24cb4738b39678bf6.jpg

 clip_image005.jpg  clip_image001.jpg

Salvo da Vigata

Chi è il commissario Montalbano? Perché è nato, cresciuto e diventato oggi cosi famoso? Salvo Montalbano, commissario di polizia nell’ immaginaria cittadina siciliana di Vigata, personaggio tanto simpatico quanto scontroso, tanto intelligente quanto sentimentale, tanto difensore della giustizia quanto avverso ad ogni ordine costituito fine a se stesso. Il problema è che ben presto questa figura ha travalicato i confini del testo letterario per diffondersi ed affermarsi in altri media e con altri linguaggi; la televisione innanzitutto, ma poi anche la stampa, la saggistica, i fumetti. Oggi Montalbano non è più solo un semplice personaggio letterario, e nemmeno ci si può limitare a estendere il suo dominio al campo della fiction o ad altri generi di tipo narrativo. Il personaggio infatti va compreso innanzitutto nel genere letterario in cui si colloca e quindi nel genere dei romanzi polizieschi. Generalmente in questo contesto il protagonista è un personaggio d’azione, un detective che possiede una psicologia particolarmente profonda. Da un lato ci sono le sue vicende investigative, da un altro i suoi passatempi  preferiti, i suoi amori travagliati, il suo essere buongustaio e una buona forchetta e persino i suoi tic caratteriali.

Tutto questo fa di Montalbano sia nella nuova serie da giovane che in quella precedente da uomo maturo, un personaggio positivo che spesso assurge a  eroe. Siamo però ben lontani dalla classica identificazione aristotelica tra eroe e uomo, lo spettatore infatti non deve identificarsi con il personaggio provando le sue medesime passioni o  avendo le sue stesse idee; deve semmai secondo la logica interattiva di questo genere di testi polizieschi, abolire ogni iato tra enunciazione ed enunciato e in tutto e per tutto essere quel personaggio. Il personaggio infatti è migrato nello spettatore, a patto che quest’ultimo rispetti certe sue priorità necessarie.

Il personaggio di Montalbano insomma è ormai diventato un idolo, ma anche un vero e proprio genere culturale. Infatti ci sono oramai su riviste specializzate numerose informazioni sulla messa in onda dei film, gli indici di ascolto, le produzioni televisive, persino giudizi estetici sui costumi. Ed inoltre interviste, articoli giornalistici, premi culturali e persino lauree Honoris causa a tal punto da fare del personaggio un vero e proprio protagonista da romanzo. Ma ci sono anche messe sullo stesso piano addirittura informazioni geografiche sulla città(immaginaria) di Vigata, sui suoi vini da tavola, sulla sua tipica cucina ed inoltre un dizionario Vigatese-Italiano.

Viene in tal modo ammobiliato l’intero mondo di Montalbano , un mondo dove il commissario di Vigata ha decisamente superato lo stereotipo del personaggio pirandelliano che dialoga con e attraverso l’autore(Andrea Camilleri), non però come mondo possibile a se stante, bensì come serie di elementi perfettamente integrata a quella del nostro mondo reale!

ANTONIO LEO

Collepasso 11/3/2012

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *