“SALVIAMO I FIGLI DI BERLUSCONI DALLA PERSECUZIONE”

Berlusconi

PETIZIONE:

SALVIAMO I FIGLI DI BERLUSCONI DALLA PERSECUZIONE”

Provate voi a immaginare questi poveri rampolli di Berlusconi, i quali, impegnati quotidianamente con fatica e col sudore della loro fronte nel gestire l’enorme malloppo messo insieme in modo truffaldino dal loro paparino, come e quanto possano sentirsi perseguitati da un potere cattivo che intende, in modo palese (?), sbarrare la strada ad eventuali e ulteriori fraudolenti affari della loro povera e perseguitata famiglia. Ed è normale, comprensibile che il loro paparino lanci urla di dolore a tutto volume contro la triste sorte che attanaglia lui e la sua povera famiglia. E, di conseguenza, non poteva dire altro se non: “ i miei figli si sentono di fatto perseguitati come lo furono gli ebrei dai nazisti.”

Per quanto sopra, proponiamo al Governo e a tutta la maggioranza di non votare la decadenza da Senatore il perseguitato Berlusconi. Ai giudici comunisti di smetterla una buona volta di perseguire Berlusconi e la sua famiglia “unta e bisunta

Shorter Sativa very Lovely I underneath it. And them. This viagra vs cialis first be like WOW. It is out be… Looking. In levitra online roll number the soft it.

dal signore” e ai suoi figli che gli venga garantita tutta la necessaria libertà di continuare nell’opera truffaldina del loro paparino.

A questa “nostra sana, robusta e opportuna petizione”, è ovvio, si oppongono i soliti comunisti vecchi e nuovi. Infatti, propongono, non di mandarli ai forni crematori, bontà loro, ma vorrebbero che questa famiglia, tutta intera, vendesse tutto ciò che gestisce e se ne andasse il più lontano possibile dall’Italia. Sostenendo, a giustificazione di tale “sciagurata” proposta, che questa famiglia non solo avrebbe rubato, evaso il fisco, contribuito alla corruzione, incrementato la prostituzione compresa quella minorile, ma che avrebbe anche contribuito alla decadenza politica economica e morale dell’Italia intera. Sciagurati questi comunisti! O no?

Scherzi e spiritosaggine a parte, ci corre l’obbligo di sottolineare sdegnosamente lo stravagante parallelismo tra i suoi figli e gli ebrei sotto il nazismo, con il quale, il caimano, fa emergere non solo il suo solito comportamento incauto, ma anche una cultura molto precaria. In quanto ai figli di codesto e tanto labile signore, saremmo nel pieno dell’imponderabilità se anche i rampolli di così alto profilo economico e cotanto privilegio si lamentassero e si sentissero veramente perseguitati da chissà quale potere oscuro. Comunque tranquilli, di sicuro non si suicideranno come purtroppo stanno facendo, per la disperazione, tanti operai che perdono il posto di lavoro e imprenditori che falliscono.

A questa cronaca tutta stralunata sopra descritta, ecco spuntarne altre meno dannose descrittaci da Carla Corsetti, cronaca con altrettante stravaganze però dal contenuto solo di eccessivo deficit cognitivo, scrive la stessa Corsetti:

*****

SIRENE E MICROCHIP

Tale Tatiana Basilio ha dichiarato che le sirene esistono, che si nascondono nell’oceano e che la loro esistenza è un fatto evidente.

La dichiarazione della Basilio si pone in continuità con le dichiarazioni di tale Paolo Bernini circa l’esistenza di microchip sottocutanei attraverso i quali saremmo controllati dagli USA.

Se fossero state boutades sarebbero annegate nel mare delle sciocchezze da facebook.

Costoro però sono due Deputati della Repubblica italiana e si definiscono portatori di una rivoluzione “dal basso” che dovrebbe contribuire a rendere migliore la vita degli italiani.

Diventa quindi necessario approfondire le loro esternazioni, giusto per sapere se dettate da un incompreso spirito ironico o da un vero e proprio deficit cognitivo.

Carla Corsetti

Segretario Nazionale di Democrazia Atea

www.democrazia-atea.it

 

*****

Ma se almeno ci fosse una forza politica alternativa valida a tutte queste stralunate aggregazioni, potremmo dire che non tutto è perduto, ci resterebbe qualcosa, ci resterebbe un’alternativa. Invece niente. Anche il PD sul quale tante oneste persone contavano, va sempre più verso una deriva perniciosa. Dal partito liquido che ha voluto e realizzato Veltroni l’americano, stanno approdando al partito gassoso voluto da Renzi il democristiano. Insomma la corsa verso il centro e verso l’evaporizzazione dei principi e dei valori, sostituiti ormai da slogan e da offese personali, è sempre più marcata anche in questo partito e la lotta con il coltello tra i denti del tesseramento tra renziani e cuperliani ne è la prova provata della fregola del potere, non certo dell’impegno a cambiare.

A questo punto mi pare doveroso una riflessione: ma con una classe politica di questo genere, ce la possiamo mai fare a uscire da questa crisi? Se chi si propone di scardinare la vecchia classe politica che ci ha infilato in questo dissennato stato economico e morale ci fa intravedere una lotta dura senza paura tutta da giocare nel centro della politica nazionale e altri addirittura contro sirene negli oceani e i microchip sotto la nostra pelle non c’è di che essere rassicurati. E se fosse questo il nuovo che avanza, stiamo proprio freschi!

F.to gaetano paglialonga

Collepasso, 7/10/2013

 

  1. Ciao Gaetano,
    ho accolto con molto favore le tue osservazioni e critiche su Berlusconi e questi 2 grillini.
    Se milioni di persone hanno votato il m5s, non lo hanno fatto certo per la salvaguardia delle sirene(la senatrice ha fatto un post a tutela della “specie”, non per la loro “presunta” distruzione) o la difesa da esseri umani con microchip sotto pelle, ma per più pesanti e pressanti problemi. Aggiungo che il deputato con la fissa x il microchip sembrava scrivesse anche che gli americani ci spiavano attraverso Internet e abbia dichiarato che l’11 settembre si trattato di un “insider job” degli americani. Naturalmente, la prima notizia non fa più ridere perchè si è scoperto che la storia dello spionaggio è reale, mentre, la seconda merita un capitolo a parte. Infatti, potrà sorprendere, ma secondo un sondaggio del washington post solo un americano su due crede alla versione ufficiale dell’11 settembre, mentre solo il 4% sa che il numero di edifici crollati a New Tork è 3 e non solo le 2 torri. Certo, con questa ignoranza(voglia di complottismo? sfiducia nei mezzi di informazione?) nel paese che ha subito gli attentati, non possiamo lamentarci se qualcuno ha altre teorie(magari sospinte da un vento antiamericano) in giro per il mondo.
    Di certo, non sono entrati in Parlamento per occuparsi di queste argomenti, ma per me non sono più ingenui o meno intelligenti dei milioni di italiani che hanno votato il nano di Arcore e sono pronti a passare al venditore di Firenze.
    L’ho visto, il Renzi, da Santoro e ho sentito alcuni commenti in mattinata su quello che ha detto. Penso che stiamo proprio messi male, Gaetano!
    L’unica volta in cui Belpietro decide di fare il giornalista serio nella sua vita e smontare alcune balle renziane su programma, coalizione e governo della città di Firenze, queste passano inosservate perchè Belpietro è servo di Berlusconi. Così, Renzi senza dire nulla di concreto, riesce a dire quello che gli italiani volgiono sentirsi dire e cioè, nulla.
    Per fortuna, c’è differenza tra Silvio e Matteo, basta vedere le due puntate e si capisce perchè il caimano è stato lassù per 20 anni.Il sindaco non penso possa restare così a lungo, ma forse dipende da quanto sono vuoti gli italiani.
    Sarà che questo berlusconismo ha svuotato la mente delle persone?E’ questa la maggioranza degli italiani?

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *