RENZUSCONI GLI SCASSA TUTTO

renzusconi

RENZUSCONI GLI SCASSA TUTTO

Pur di tornare al Governo del Paese, Renzi, ha già dimostrato che è disposto a sfasciare tutto. Vuole elezioni subito, vuole legge elettorale tutta predisposta alla sua visione di alleanze: PD — FORZA ITALIA. Quanto meno ciò che ne rimarrà, dopo le elezioni, di queste due formazioni pseudopolitiche. Incuranti, tutte e due queste formazioni, del grosso danno che scaturirà da queste loro scelte scellerate.

Si avvia, il vecchio e decrepito PDR, inesorabilmente, verso un’alleanza che deve far dimenticare a tutti ciò che fu destra e sinistra politica, pestilente e vasto programma. Una volta erano presenti autorevoli rappresentanti della sinistra, ora non più. Ora non più lavoratori, ma solo ed esclusivamente consumatori, di questo ha bisogno il mercato globale. Come cacchio si farà a consumare senza un reddito adeguato, vallo a capire. Ma il pensiero unico dice di non pensarci, c’è già chi pensa, tu pensa solo a consumare, comprare, comprare anche cazzate inutili e magari anche dannose, ma non preoccuparti, tu compra e basta, al resto ci pensano loro e, non dimenticarti mai, che se finisci i soldi, oggi le banche ti prestano del denaro per comprare tutto ciò che vuoi e desideri. Magari poi le banche falliranno, ma non devi preoccuparti perché a pagare saranno chiamati tutti, compresi coloro che invece di spendere hanno portato, da autentichi bischeri, i loro risparmi in banca.

L’inesorabile declino in cui l’Italia è da tempo avviata, è dovuto fondamentalmente alla decadenza politica della classe pseudopolitica ai vertici dello Stato che gli elettori stessi hanno contribuito ad eleggere. Ed è così che si è realizzato l’imponderabile: oggi è il Papa è solo il Papa che utilizza un linguaggio di sinistra di classe. Fin qui, prima dell’attuale papa i miglioramenti ce li promettevano solo in paradiso, da quando la globalizzazione ha scardinato i principi delle destra e sinistra, alla quale tutti gli ex sinistrosi si sono sempre richiamati e che ora senza vergogna alcuna hanno cambiato cavallo in corsa, ecco che il papa, mangiata la foglia, ha scoperto la lotta di classe. Quindi, paradiso sì, ma subito su questa terra! E che cacchio, doveva sparire la sinistra politica per far nascere una sinistra religiosa?

Beh, quasi quasi sento nostalgia della Democrazia Cristiane e delle sue madonne che arrivavano fresche e incipriate (sempre prima delle votazioni) dal paradiso e venivano a piangere qui su questa terra perché erano troppi i comunisti e pochi i rosari che si recitavano in sua gloria. Oggi con San Francesco, con questi nuovi democristiani, si ha la sensazione che ci vogliono imporre la povertà del fraticello d’Assisi, come se non fossimo già abbastanza poveri, o che comunque sono ancora pochi coloro che soffrono la fame. (che figli di parasaule).

Sì, questo XXI secolo comincia proprio male, chissà che cacchio di vita toccherà ai nostri nipoti. Di questo andazzo c’è poco di che essere ottimisti. Tra Papa Francesco, San Francesco patrono d’Italia, e tutti dietro a fare passeggiate di Assisi in onore del fraticello povero e tanto amante degli animali, che persino gli animali rischiano di essere eletti in parlamento, pare che ci stia pensando la Brambilla e il vecchio berlusca. Insomma tutti a tentare di proporsi come il miglior Francesco che ci sia. Se penso che persino Grillo si vanta ad alta voce: “siamo noi i nuovi francescani”. Ma perché la nuova legge elettorale non la chiamano il “Franceschellum?

 

I Berlusca e i Renzi non sono da meno, tutto ciò mi fa tanto ridere, ma quando penso alle conseguenze politiche per i futuri abitanti di questo nostro pianeta, che abbiamo già abbondantemente scassato, mi viene da piangere e urlare forte: “per favore, non in mio nome, non è colpa mia se è andata così male”. Io ho fatto quanto mi è stato possibile affinchè le cose andassero per il meglio, invece, ora sono sicuro, sono state completamente inutili tutte quelle lotte per rendere l’Umanità meno egoista. Tempo e fiato sprecato, questa è la mia pessima considerazione che ho dell’italianità in via di disfacimento. Nè madonne né santi ci salveranno dal lungo declino in cui siamo avviati, anzi serviranno solo a deresponsabilizzare gli incapaci politici scaricando la colpa su santi e madonne che non farebbero abbastanza per salvarci. Ma salvarci da cosa? Se ci fossero veramente e volessero bene all’umanità, questi santi e madonne, dovrebbero far morire subito di morte naturale tutti i politici corrotti e voltagabbana.

Ma ciò che ha mandato in tilt la mia coscienza, quindi il mio impegno, è il constatare che la corruzione dei vertici e delle fasce intermedie della società ha intaccato abbondantemente anche la base. Scoprire cioè che anche  i lavoratori ora si mettono a fare i furbi imitando i furbacchioni di Stato invece di lottare, (vedi furbacchioni del cartellino e finti invalidi), mi ha messo in uno stato di frustrazione e mi ha tolto ogni spinta ad impegnarmi per quei grandi valori che mi hanno accompagnato per una intera vita. Continuerò a dire la mia opinione senza la pretesa che serva a qualcuno per qualcosa di buono, di umano.

F.to pagliatano

Collepasso, 1/6/2017

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *