O COSI’ O POMI’

 

emmanuel_macron      le-pen

 

Le alternative per gli elettori francesi: o padella o brace

 

Lasciarsi friggere o lasciarsi arrostire, queste sono le reali alternative per il popolo francese. Ovvero, quando la democrazia va a puttane.

Infatti, la maggioranza di coloro che sono andati a votare sono lontanissimi da questi due individui e dalle loro ricette pseudo politiche.

La Le Pen propone il nazionalismo, visione pseudo politica tristemente presente a tutti coloro che hanno vissuto nel XX secolo. L’altro, il Macron, rappresenta, nei particolari, tutto il male del XXI secolo in corso con le sue ricette ultra liberali e a sostengo della sciagurata tendenza alla globalizzazione a pensiero unico. Il loro slogan è sempre stato, ed è tuttora anche per lui: “più mercato e meno Stato”, che, tradotto per i meno informati, suona così: si salvi chi può e chi non può muoia il più presto possibile e senza fare rumore, affinchè non disturbino coloro che stanno operando in tal senso.

Altro che democrazia, altro che Europa dei popoli, il mondo sarà solo e soltanto dei papaveri che sanno volare alto alto e i paperini stiano calmi e non cicalino più di tanto. Il mondo è loro, nessuno li deve disturbare nella loro folle corsa verso un fascismo globalizzato. Altro che fascismi nazionali, ora stanno realizzando il fascismo mondiale e, il pensiero unico, deve annullare tutte le ideologie e filosofie fin qui elaborate, a loro avviso, “da menti decisamente malsane”.

Eh sì, non c’è di che essere ottimisti, la politica che aveva l’obbligo di mettere la museruola alla finanza di rapina, si è lasciata andare ed ha accettato supinamente il nuovo e terribile fenomeno che avanza, lasciando alla mercé di questi pescecani il popolo vero, il popolo che produce, il popolo che sta già soffrendo la fame.

Si dice che non c’è più né destra né sinistra e che ora in termini politici bisogna parlare di alto e basso. Come volete voi sanguisughe internazionali, senza dimenticare che prima o poi, quando avrete affamato interi popoli è la volta buona che sulla terra vedremo una buona e santa rivoluzione e vi taglieranno la testa come si è usato fare con la rivoluzione francese. Io non farò in tempo a vedere questo inevitabile risultato, forse lo vedranno i miei figli, forse lo potranno gustare solo i miei nipoti, ma che ciò accadrà, prima o poi, non ho dubbi: vi taglieranno la testa ed è quanto meritate.

F.to pagliatano

Collepasso, 6/5/2017

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *