NON SI VENDE LA PELLE DELL’ORSO PRIMA DI CATTURARLO

 

 immagine00141.jpg

 Questo volantino distribuito

martedì 7, a firma di  alcuni consiglieri

d’opposizione, la dice lunga sull’alternativa

all’Amministrazione attuale. C’è poco di che

rallegrarci dell’alternativa.

Altre persone, altri appetiti, altri rischi per la

nostra Collepasso.

 

Questi signori, con questo volantino, è come se cercassero di vendere la pelle dell’orso prima di abbatterlo. Danno cioè per scontato, che il consigliere dell’Udc abbia rinunciato a fare da stampella a questa Amministrazione.

 Invece, chissà, forse per cause maggiori (familiari), forse per indecisione, non si è presentato ieri al Consiglio Comunale mettendo in difficoltà l’Amministrazione. Ma da questo, a dare per scontato che il suddetto consigliere abbia deciso nel senso a loro desiderato, ce ne corre parecchio.

 Io consiglierei tutti ad avere pazienza. Augurandoci che il suddetto consigliere non stia giocando con il suo ruolo. Questo pensierino cattivo mi è passato per la testa quando l’ho visto in giro, prima a “farsi” la processione, poi a girare in lungo e in largo la festa appena una sera dopo l’accaduto. Comunque, nell’incertezza diamoci una calmata. Inoltre,va dato atto che i due consiglieri dell’Idv, Ciccardi e Malorgio, non hanno firmato questo volantino.

Intanto, una cosa mi preme sottolineare. Cioè, il fatto di sostenere l’idea secondo la quale la crisi è avvenuta sulla disputa del nome della strada dal tre novembre al De Andrè, è una chiara mistificazione. Ecco,  i prossimi eventuali amministratori pare sappiano fare anche di peggio degli attuali. “Porca vacca, sarà dura, sarà peggio!”.

 

F.to, G.P.

Collepasso, 7/9/2010

 

 

Oggi, mercoledì 8,

la Gazzetta del Mezzogiorno, a firma di Antonio De Matteis, riporta una dichiarazione del Sindaco, con la quale smonta ogni illusione dell’opposizione. Afferma che è solo per ragioni familiari che non ha potuto essere presente il consigliere dell’UDC,  e accusa di strumentalizzazione il resto dell’opposizione. Peccato che il sindaco non ha avuto modo, o lo spazio? per dire che i consiglieri dell’idv, erano ben disposti nei confronti dell’amministrazione, poi un incauto sberleffo nei confronti di questi da parte di un amministratore, ha irrigidito i due consiglieri. Comunque, è mancata anche la sottolineatura del fatto che i due consiglieri su citati, il volantino non lo hanno firmato. Non so se è poco o tanto, ma la differenza con il resto dell’opposizione c’è e si vede.

Forse a chi non conosce nei dettagli l’evoluzione che ha subìto questa Amministrazione, sembrerà stravagante se esprimo la mia personale sensazione, che è la seguente: prima sono riusciti ad allontanare rif. com., ora stanno lavorando alacremente ad allontanare l’IDV. Obiettivo? posizionarsi al centro dello schieramento e prendere le distanze politiche, non solo nella sostanza come del resto è già avvenuto, ma anche nell’immagine da proiettare agli elettori.

Ancora una volta si determina una caratteristica che è tutta collepassese: mentre in Italia il P.D. con Bersani apre alla sinistra antagonista, qui a Collepasso, si fa terra bruciata dei rapporti fin qui sostenuti con la sinistra. Chissà se qualcuno al loro interno si sia già accorto che hanno scavalcato decisamente a destra la posizione della vecchia D.C.? Ci sarà qualcuno nel P.D. capace di bloccare questa deriva?

F.to G.P.

Collepasso, 8/9/2010

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *