I MODERNI APPRENDISTI STREGONI

IRAQ: ISIS MINACCIA, 'BISANZIO PERDERA' DI NUOVO'

IL NEO CALIFFO MEDIEVALE

&

I MODERNI APPRENDISTI STREGONI

Ma più che gli apprendisti stregoni di marxiana o Disneylandiana memoria, mi fanno venire in mente un episodio che da ragazzini, tanto irrequieti, andando in giro per la campagna, un giorno un mio amico con il quale ero a spasso, visto un nido di vespe volle cercare di distruggerlo. E ci riuscì, ma non l’avesse mai fatto, pagò un caro prezzo. Io glielo avevo sconsigliato sapendo che le vespe sono animali che possono arrecare danni alle persone. E visto che insisteva nel gettare zolle di terra contro quel nido e immaginando le conseguenze mi allontanai. Lui imperterrito continuò fino a centrarlo e distruggerlo. Una nuvola di vespe gli furono subito addosso e lo punzecchiarono su tutto il corpo. Finì all’ospedale, se la cavò sì, grazie all’ospedale e alle cure mediche, ma a caro prezzo.

Fatte le dovute proporzioni, gli angloamericani con in testa il George Bush e Tony Blair in Irach e Afganistan e Sarkozy sempre in compagnia dei soliti inglesi e american in Libia, sono i più imbecilli e maldestri apprendisti stregoni che la storia fin qui ci racconta e, peggio del mio amico, si sono comportati proprio come dei bambini stupiti, irrequieti e ignorando le conseguenze dei loro atti, delle loro terribili decisioni. Ma non pagarono né pagheranno per i genocidi commessi, hanno le bombe atomiche e, per questo e solo per questo, nessuno li potrà mai condannare alle pene che meriterebbero, né il Tribunale dell’Aia potrà mai interferire sui loro demenziali reati. Per me andrebbero consegnati ai parenti delle vittime che con le loro dissennate decisioni hanno comportato. È la terza guerra mondiale? Speriamo di no, ma ci sono tutte le condizioni! Così va il mondo in questo inizio di ventunesimo secolo, praticamente peggio del secolo appena trascorso. Il potente di turno non si tocca, ha sempre e comunque ragione, soprattutto se ha le bombe atomiche o, quantomeno, se è amico di chi le possiede. Netanyahu l’israeliano, un altro apprendista stregone, non si rende conto che è lui, non altri, a stimolare e a far nascere arabi musulmani sempre più arrabbiati, sempre più pronti a vendicare torti e ingiustizie subite. Alla fine saranno anche e soprattutto le masse degli israeliani innocenti a pagare il conto dei suoi errori.

10660237_10152228379402382_7971792384951064440_n[1]

Ora le stravaganze imperialiste sul Medio Oriente, hanno partorito L’ISIS, musulmani incazzatissimi. Gli americani uccisero Bin Laden convinti di aver sotterrato per sempre un capo terrorista e con lui il terrorismo, invece ne hanno fatti nascere migliaia, pronti a sostituirlo e sempre più incazzati di prima. Se non fosse che a pagarne le conseguenze sono sempre i più innocenti e indifesi, ci sarebbe da ridere sulle decisioni da apprendisti stregoni di questi imperial-nazisti del ventunesimo secolo. E come si può dire di no ad inviare altre armi per fare in modo di fermare la barbarie di questi neo-nazisti ispirati da Allah? Una volta erano le teorie politiche laiche che si confrontavano, liberalismo e comunismo. Il comunismo riuscirono a farlo scomparire e fu soppiantato dalle teologie. E fu Allah, il profeta Moammed, il Corano a riempire il vuoto. Ma mentre per i laici comunisti  il sistema economico alternativo era il fine, per i teologi della guerra santa è un ritorno al più oscuro medio-evo che propongono. Chi se lo ricorda più che gli arabi che lottavano per giuste cause erano laici e di sinistra? I laici furono massacrati dall’imperialismo economico ed è nato, da quelle ingiustizie che non hanno trovato sbocco, l’integralismo religioso musulmano. Bell’affare che hanno realizzato le potenze occidentali sedicenti democratiche. Ora, si avrebbe voglia di dire: chi ha colpa del suo mal pianga se stesso, ma non possiamo dirlo perché a pagarne le conseguenze, purtroppo, saremo un po’ tutti noi.

F.to Pagliatano

Collepasso, 24/8/2014

 

 

 

  1. Io parlerei di “servili” stregoni visto che le loro azioni sono state incoraggiate da interessi petrolifici-energetici. Gli italiani sono un livello sotto in fatto di servilismo, ma eccediamo rispetto ad essi, le loro nazioni e la loro stampa nell’essere petulanti e ostracisti verso chi ha posizioni critiche. Almeno negli USA, Gran Bretagna e Francia chi dissente o è contrario a questi interventi viene rispettato o è stato rispettato in passato, non lo stesso si può dire accada in Italia. Basti pensare al linciaggio mediatico su Di Battista, che dice la sua anche facendo confusione, ma trova le stesse cause citate nel suo post.
    Io non ho letto i post del deputato per intero ma sulle analisi mi trovo d’accordo e ad esse aggiungo:perchè combattere con gli stessi fallimentari metodi questi terroristi la cui strategia si basa sul “farsi fuori da solo”? Chi ci garantirà che i curdi, una volta sventata la minaccia ISIS, a loro volta non inneggino alla guerra santa con le armi da noi consegnate? Come se la lezione su Al Qaeda, Saddam e ISIS non fosse servita a nulla

    Reply
  2. Certo, lo hanno capito anche le pietre che lì sono andati per le fonti energetiche, oltre che per smaltire un po’ di materiale bellico di cui i magazzini erano pieni. Inoltre, sono d’accordo con quanto affermi sul carattere vile di questi politicanti al servizio delle multinazionali, però, da un esponente politico ci si deve aspettare un linguaggio, ma soprattutto una esposizione delle proprie posizioni compatibili con un linguaggio da onorevole. Che le cose stiano così come le ha descritte non c’è dubbio, ma come al solito c’è modo e modo di raccontarle. E’ questo che è mancato all’esponente del Movimento 5 Stelle. In quanto ai Curdi, io non ho dubbi, sono fuori da ogni cognizione teologica, sono dei laici che lottano per ripristinare il loro Stato che è stato smembrato dagli inglesi e francesi dopo la fine del primo conflitto mondiale e la caduta dell’impero ottomano. Questo e solo questo è il loro obiettivo da novanta anni circa che perseguono e, Ocialan, era un loro esponente finito nelle carceri turche dopo che, in italia, D’Alema, non gli concesse l’asilo politico che aveva richiesto, commettendo, a mio avviso, un’ingiustizia enorme sotto il profilo umano e uno obbrobrio sotto il profilo politico di sinistra. Quindi, non solo l’Irach ma anche la Siria e la Turchia, prima o poi devono cedere il loro territorio che gli è stato tolto in quell’occasione e ripristinare lo Stato Curdo da sempre esistito. Saluti gaetano

    Reply
  3. Pietro Giuseppe Errico 26 agosto 2014, 10:52

    Così, giusto per parlare: cosa è mancato nell’intervento fatto dall’On. Di Battista?
    Per quanto mi riguarda lo trovo splendido sotto tutti i punti di vista.
    Lo trovo splendido nei contenuti e nell’attento uso delle parole. Ognuno poi legge o capisce quello che vuole o, meglio, quello che più gli conviene.
    Mi fa strano però che una certa classe di intellettuali o pseudo-tali, anche a Collepasso, di questa sinistra che ha tradito le sue origini e le sue aspirazioni di classe dirigente, trovi ormai più interessante leggere e condividere certi articoli di “Libero” e non trova 41 minuti del suo misero tempo per ascoltare un’intervista di quello stesso Onorevole a cui non risparmiano critiche che non rendono nessuna giustizia a quell’intelligenza che presumono di possedere.
    Ritengo doveroso, prima di esprimere qualunque giudizio, almeno ascoltare quello che dicono. Proviamo a farlo!
    http://m.youtube.com/watch?v=HgdPA0V5uds&feature=youtu.be

    P.s. Onorevole maiuscolo: lo merita!

    Reply
    • Felice di risentirti, caro Giuseppe e, come al solito, mi sento obbligato a risponderti. Ho ascoltato l’intervista agli Onorevoli (O maiuscola, d’accordo) Di Battista e a Di Stefano che tu mi hai indicato, le ho trovate francamente di sinistra. E, con la scomparsa della sinistra storica, persino i Parlamentari del 5 Stelle se riuscissero ad emanciparsi dalla Casaleggio associati e da Grillo potrebbero diventare cosa buona e giusta. Ce la faranno? In quanto alla battuta infelice del parlamentare in questione, come puoi notare, persino io, che non sono una cima in niente, sono riuscito a dare compiutamente un’idea delle responsabilità dell’Occidente capitalista, ma, nello stesso tempo, non potevo non condannare questi nuovi criminali internazionali dell’ISIS che non hanno niente da invidiare alle malefatte del nazismo. Certo, anche il nazismo nacque per le tantissime condizioni insopportabili dell’asse che aveva vinto la prima guerra mondiale i quali imposero alla Germania condizioni tali che fece nascere quel scellerato regime. Ma nessuno è oggi disponibile ad ammorbidire la pesante condanna che pesa su quel regime infame. Così, non si può, del resto, tentare di essere tolleranti nei confronti di questi nuovi nazisti dell’ISIS. Certo, sono il prodotto delle ingiustizie che hanno subìto, ma ciò non gli esime dal dare conto per le loro dissennate azioni. Ecco, L’Onorevole in questione, probabilmente per l’estrema sintesi alla quale era costretto non ha chiarito fino in fondo, come ha invece fatto con l’intervista su Gaza nel filmato che mi hai consigliato di ascoltare. Poi che qualche avversari politico cerca di sfruttare la sua battuta discutibile, beh, è la lotta per il consenso caro Giuseppe, distorsione della democrazia? sì, legata alla lotta per il consenso elettorale. Che dirti, forse stiamo dicendo le stesse cose, di sicuro vorremmo che si realizzassero le stesse cose: più giustizia e meno arroganza dei forti contro i deboli. M ahi noi, leggendo qua e là ho scoperto che l’umanità si comporta bene e chiede giustizia quando è debole, mentre appena diventa forte, inesorabilmente diventa cattiva con il suo prossimo e, la storia di Israele odierna messa a confronto con gli ebrei sotto il nazismo ne è, purtroppo, una evidente dimostrazione. Si, insomma sono pessimista sul destino di questa nostra umanità. Siamo fatti male, facciamo vincere il bene quando siamo deboli e facciamo vincere il male appena diventiamo forti. E che il bene e il male sia dentro ognuno di noi, beh lo hanno detto e scritto anche il fior fiore dei teologi. Che ne pensi? Sono errate queste mie conclusioni? Infine non ti nascondo che queste mie idee che mi frullano tra la testa da qualche anno, stanno terremotando le mie convinzioni politiche. Spero di non approdare nel cinismo!

      Reply
  4. CONTRO
    NOMADI
    Contro i fucili, carri armati e bombe
    contro le giunte militari, le tombe
    contro il cielo che ormai è pieno,
    di tanti ordigni nucleari
    contro tutti i capi al potere che non sono ignari.
    Contro i massacri di Sabra e Chatila
    contro i folli martiri dell’Ira
    contro inique sanzioni, crociate americane
    per tutta la gente che soffre, e che muore di fame.

    Contro chi tiene la gente col fuoco
    contro chi comanda e ha in mano il gioco
    contro chi parla di fratellanza, amore, libertà
    e poi finanzia guerre e atrocità.

    Contro il razzismo sudafricano
    contro la destra del governo israeliano
    conto chi ha commesso stragi, pagato ancora non ha
    per tutta la gente ormai stanca che vuole verità.

    Contro tutte le intolleranze
    contro chi soffoca le speranze
    contro antichi fondamentalismi e nuovi imperialismi
    contro la poca memoria della storia.

    Contro chi fa credere la guerra un dovere
    contro chi vuole dominio e potere
    contro le medaglia all’onore, alla santità
    per tutta la gente che grida libertà.

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Newer Post
Older Post