Mentre la crisi infuria e il lavoro manca, pure la confindustria di Berlusconi è stanca.

 

immagine00149.jpg

Per due anni circa ci avevano abituati, centinai di giornali e decine di canali TV,  a tremare o a gioire per le sorti giudiziari del “nostro re nudo” Berluskaiser (lodo si, lodo no, intercettazioni si, intercettazioni no). Mentre il sol leone implacabile, dava corso al suo naturale riscaldamento dell’emisfero settentrionale, una nuova tempesta mediatica investiva di nuovo l’Italia e non solo.

            Un appartamentino di 50 metri quadri a Montecarlo, ha finito con lo sconvolgere le coscienze degli italiani (ma si, ma no, ma dai, ma non è possibile), facendo dimenticare persino il problema del posto di lavoro perso e della fame che comincia a farsi sentire tra i nostri connazionali come fossimo già un paese del quarto mondo.

 Così il Berluska, con gli occhi pieni di travi,

indica le pagliuzze di Fini,

come fossero cose gravi!

C’è chi ride par questo, e aggiunge che ridere fa buon sangue, quindi, facci ridere ancora un po’ nostro menestrello nazionale? E no! C’è chi piange per la situazione economica, per il lavoro che si perde, per il lavoro che non trova, e c’è persino chi piange per i tanti pregiudicati che ha eletto e li vorrebbe tutti in galera. Quindi, non scherziamo! Siamo sull’orlo del precipizio, stiamo per uscire dal sistema democratico, stiamo imboccando una nuova disavventura, o ci fermiamo subito o saranno guai seri per tutti. Anche per coloro che, per stupidi calcoli e meschini interessi personali, continuano a votare questa banda di pseudo politici.

            L’ultima, in ordine di tempo, che si è aggiunta al coro del: “è ora di finirla buffoni!” è niente meno che il presidente della confindustria Emma Marcegaglia. Questa si che è nuova!

  Mentre la crisi infuria e il lavoro manca,

pure la confindustria di Berlusconi è stanca.

Perché è nuova: perché i Governi, da che capitalismo impera, sono sempre stati i comitati d’affari dei padroni. Pare, che  il “nostro re sole, pardon, re nudo”, abbia  sfrattato dal potere la lobbies imprenditoriale, sostituendola con la lobbies delle mafie, delle P2, delle P3, ma soprattutto dei suoi estesi interessi in tutte le attività che in questi anni, da che è “sceso in politica”, ha saputo consolidare. Insomma le uniche aziende che hanno fatto profitti, sono le sue e quelle della banda della P3. Altro che imprenditori, altro che confindustria!

Signora Marcegaglia, voi lo avete voluto, i suoi soci in confindustria lo hanno  incoronato, ora subirete anche voi le conseguenze: chi ha colpa del suo mal pianga se stesso! Ve lo immaginate un compromesso antistorico tra operai e imprenditori? Ma mi faccia il piacere la Marcegaglia, mi faccia. Saranno i lavoratori, i precari, i disoccupati a farlo scappare a calci nel sedere prima o poi a questo buffone e a tutta la su corte di giullari e di giannizzeri.

 

 2005121.jpg

“Grande è il disordine sotto il cielo, eccellente la situazione”(Mao)

 

 

F.to P.G.

Collepasso, 27/9/2010

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *