L’ISIS ? Surrogato Occindentale non Commestibile

L’ISIS ? Surrogato Occindentale non Commestibile

ISIS

Lo ammetto, sono anomalo, sull’informazione sono sempre stato e, lo sono ancora, tanto ma tanto scettico. Per anni, questi pennivendoli di regime ci hanno bombardato che le guerre contro l’Iraq, la Libia, la Siria, l’Afghanistan eccetera sono state decise e realizzate perché erano gestite da dittatori cattivi e sanguinari e di conseguenza queste loro invasioni avrebbero portato, per sempre, la nostra tanto decantata (io direi sputtanata) democrazia.

Su questo sito, se qualcuno vuol curiosare, troverà un centinaio di articoli con i quali li sbugiardavo, li sputtanavo.  E questo lo scrivevo quando tutti, giornali riviste e tutte le reti tv, erano zeppe di lodi ai bugiardi guerrafondai occidentali.

AP_isis_kab_150211_1_12x5_1600

Ora di fronte alle conseguenze che sono sotto gli occhi di tutti: terrorismo invece che democrazia e esodi biblici di povera gente che fra una bomba e una sventagliata di mitra preferisce rischiare di morire affogato nel tentativo di raggiungere la terra in cui le guerre le fanno agli altri ma non le subiscono, almeno per ora. I pennivendoli, di fronte a questa nuova ondata di contraddizioni, hanno cominciato a dire cose diverse e, iniziato ad  ammettere, che è stato un errore invadere e distruggere gli apparati statali di quelle nazioni; era ormai troppo evidente che le bugie fin lì sostenute non reggevano più neanche per lo scemo del villaggio. Ormai la loro pia foglia di fico di esportare la democrazia non è più credibile per nessuno. Vistosi sbugiardati, che fanno? corrono ai ripari che stanno per diventare peggiori delle loro azioni precedenti.

Erdogan Isis

Quindi, di nuovo, stampa e tv di tutto il mondo all’unisono sbandierano le nuove verità di regime, guardandosi bene, però, di avanzare la tesi di genocidio nei confronti di G. W. Bush l’americano e di Nicolas Sarkozy il francese, due pazzi scatenati  che hanno realizzato i più moderni genocidi: centinaia di migliaia di civili disarmati e indifesi, massacrati. Meriterebbero, secondo i miei parametri morali, di finire la loro dissennata esistenza impiccati. E nessuno si sogni di darli in pasto all’ISIS, giacché questi sanno bene che non sarebbero mai nati se non avessero agito così come hanno agito questi criminali; inoltre, sono ancora finanziati e armati dall’occidente democratico e capitalista, oltre, è ovvio, anche dai loro amici che sono anche amici dell’occidente, l’Arabia Saudita e tutti quei  statarelli del golfo Persico pieni di petrolio.

Ma eccoli di nuovo che propongono nuove guerre, nuove invasioni.  Questa volta, però, non più contro gli stati “canaglia”, così venivano definiti da questi pseudo democratici, ma contro un nuovo cattivissimo nemico, il terrorismo, L’ISIS. Ma ahi noi, anche questi sono il prodotto delle loro dissennate volontà guerresche. L’ISIS, in realtà sono figli legittimi voluti, generati, finanziati e armati dai soliti guerrafondai in cerca sempre più che mai di fonti energetiche, di produzione di armamenti sempre più sofisticati e immense distruzioni di abitazioni civili da riedificare a vantaggio delle grosse industrie di costruzioni. Insomma le lobby non hanno più né remore né ostacoli alla loro fame di accumulazione di potere.

isis_1

Da una analisi attenta dell’agire di questo famigerato stato islamico, è evidente che stanno facendo tutto il possibile per convincere le povere masse che è necessaria una nuova invasione, affinché si fermino questi cattivissimi maomettucoli. Pensate, non hanno né carri armati, né aerei, né tecnologia tale da impensierire le grandi potenze occidentali; gli è stato concesso di avere sì tante armi, ma solo convenzionali, in modo che se sgarrano, se si rivolgono contro di noi , in una nottata li possono fare fuori tutti. Si dirà, beh, lo stanno facendo. Balle, finchè colpiscono la povera gente, finché colpiranno le masse ma non il vero potere, per i nostri politicanti e guerrafondai tutto va bene. E questi, i vertici di questo pseudo stato islamico, stanno facendo di tutto per rendersi talmente odiosi che, il giorno in cui le armate occidentali decideranno di spianare nuovamente quanto è rimasto in piedi in queste nazioni non ci sarà reazione negativa da parte di queste masse ormai cotte alla bisogna. Strategia, questa, da millenni collaudata.

giornali-571x340

Lo avrete registrato anche voi che leggete, mai è stato fatto oggetto di attentati il vero potere. Non solo, i più agguerriti e capaci tecnici e registi sono a loro disposizione per meglio informarci delle loro terribili azioni. E le loro azioni sono sempre rivolte contro giovani e bambini, meglio ancora se diversamente abili, come è già successo. Il tutto allo scopo di convincere le masse occidentali, se preferite i poveri di spirito occidentali, della necessità di un’altra grande e più vasta invasione, un’altra “giusta e necessaria” guerra. Quindi, paradossalmente, l’ISIS è funzionale ai disegni del grande capitalismo.  Insomma, seguite il denaro che scorre e scoprirete il gioco sporco che c’è dietro. La strategia del vero potere è sempre questa: destabilizzare per realizzare nuovi orizzonti di accumulazione. I poveri di spirito ci cascheranno ancora una volta, ma gli scettici no, non ci cascano. Così, tra una crisi speculativa finanziaria e una guerra di tanto in tanto, i diritti civili e le condizioni materiali delle masse diventeranno un gran bel ricordo del passato e il gioco è fatto. Riflettete gente, riflettete.

F.to pagliatano

Collepasso, 26/1/2016

 

 

 

  1. democrazia atea 27 gennaio 2016, 17:18

    In Iran nel 1970 le ragazze indossavano minigonne, sceglievano i loro fidanzati, andavano all’università ed erano orgogliose di essere eredi di una civiltà millenaria.
    Il petrolio, gli Stati Uniti, il Regno Unito e qualche altro accidente politico economico hanno fatto svanire in pochi anni quella modernità sotto un cumulo di macerie islamiche.
    Ora l’Iran è uno stato teocratico, la correttezza politica dei suoi governanti si misura in base alla aderenza al corano.
    La barbarie teocratica non si ferma qui.
    In Iran non si sa cosa siano i diritti umani e il crimine contro l’umanità per eccellenza in quella nazione è proprio la religione di stato.
    Tutti devono essere islamici e gli atei vengono condannati a morte.
    In uno stato barbaro del resto non può mancare la pena di morte, e siccome l’islam, come tutte le religioni monoteiste, veicola, per moltissimi aspetti la frustrazione sessuale maschile, la maggior parte dei reati per i quali è prevista la pena di morte, è legata alla sessualità.
    Ora il Presidente dell’IRAN è in visita in Italia e Renzi, proteso a fare affari, non si sarà preoccupato di altro che dare istruzioni al suo staff affinché non facciano con i tappeti persiani la stessa bagarre che fecero con i rolex dei sauditi.
    La vergogna consumata in queste ore tuttavia è assai più grave dell’ingordigia.
    I governanti renziani si sono già piegati alle patologie della repressione sessuale iraniana e per l’occasione della visita del presidente Rouhani, hanno fatto coprire le statue dei Musei Capitolini perché le nudità offendevano la vista dell’ospite miliardario.
    Noi di Democrazia Atea esprimiamo tutto il nostro sdegno contro i nostri governanti che si sono subordinati alle arretratezze islamiche fino al punto di negare l’orgoglio dell’arte latina, greca e italiana.
    A noi di Democrazia Atea i soldi islamici non interessano perché il tasso di interesse praticato dalla loro finanza si paga con la negazione dei diritti più elementari.
    E della sottomissione alle patologie islamiche ne avremmo fatto volentieri a meno.
    http://www.democrazia-atea.it

    Reply
  2. Sono d’accordo con democrazia atea, però vorrei ricordare a tutti che la religione è sempre stata ed è tuttora solo la foglia di fico dietro la quale si è sempre nascosto e sempre si occulteranno gli interessi molto materiali e inconfessabili. Basta guardare i famigerati terroristi odierni dell’ISIS, gira e rigira sono sempre dietro a occupare e controllare le zone petrolifere del Medio Oriente. E questi sono sunniti, mentre i teocratici iraniani sono sciiti. Violenza certamente al loro interno, ma, per il momento, quiete all’esterno. Forse, anche questi aspettano solo il momento buono per imporre il loro credo anche all’esterno. Vedremo, certo che non sono rassicuranti neanche questi. In ogni caso qui in Medio Oriente si sta giocando una grossa partita per l’egemonia totale su quell’area, che vede impegnati gli sciiti iraniani e il loro amico Assad siriano, dall’altra parte c’è l’Arabia Saudita, sunnita, altra teocrazia bestiale, che insieme agli altri emirati del golfo cercano di sconfiggere gli sciiti ed egemonizzare tutta l’area. Insomma si tratta di una colossale, e per niente nuova, guerra per estendere il loro potere, diventare impero. La religione, quindi, serve solo per convincere gli utili idioti che dovranno combattere per ottenere quel risultato, però, da furbi, hanno sempre più delineato e garantito che chi muore combattendo per Allah, quando andranno in paradiso sono lì ad attenderli ben 70 bellissime e purissime donne nei verdi giardini di Allah attraversati da ruscelli di acqua fresa e all’ombra di grandi palme, lì giacciono le belle e purissime donne e aspettano i loro poveri di spirito che si son fatti ammazzare per la maggior gloria dei loro figli di puttane che li hanno mandati a morire.
    In quanto agli italiani, da molti secoli ormai molto materialisti e poco inclini al sacrificio per ragioni trascendentali, giustamente hanno puntato gli occhi sugli affari, sui 17 miliardi di affari, e mica si può dire che sono scemi! Anzi! Qualcuno potrà obiettare: ma così questi ci faranno diventare musulmani! Beh, qual è il problema? prima eravamo pagani, poi Costantino ci fece diventare cristiani con la forza, più tardi Carlo Magno convertì, sempre con la spada e con il fuoco, tutta l’Europa; ora questi ci vorranno musulmani? A mezza parola, però dateci almeno il petrolio gratis, e che cacchio!!! noi siamo abituati a non far niente per niente!!! UN DIO VA, UN ALTRO VIENE, NON CAMBIERA’ NIENTE, TRANQUILLI, E POI, CI SARA’ SEMPRE IL CAPITALISMO E LA FINANZA INTERNAZIONALE CHE RIUSCIRA’ A RINCOGLIONIRLI, COME CI HA RINCOGLIONITI NOI SEDICENTI CRISTIANI. TRANQUILLI, UN DIO VALE L’ALTRO, E’ IMPORTANTE NON PRENDERE MAI SUL SERIO I LORO SACERDOTI, I QUALI, MENTRE TI PARLANO DEL LORO DIO, TI STANNO GIA’ FREGANDO IL PORTAFOGLIO, FARSI UNA BELLA E RILASSANTE RISATA, QUESTA SI CHE E’ LA MIGLIORE MEDICINA CONTRO TUTTE LE TRUFFE TRASCENDENTALI.——— PAGLIATANO

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *