Le risatine della Merkel & Sarkozy.

 

 

immagine-56.jpg

Le risatine della Merkel & Sarkozy.

         Che le cancellerie di mezzo mondo se la ridessero sotto i baffi pensando a Berlusconi era cosa risaputa e dagli italiani sopportato con fastidio. Ora non hanno più remore di sorta, se la ridono a scena aperta. Quindi il “nostro sovrano d’Arcore” non solo ha ridotto agli stracci 8 milioni di italiani e sta pensando di trascinare ancora di più verso il pauperismo un’intera Nazione, ma addirittura ha ridotto a ben poca cosa la nostra dignità di italiani. Di certo c’è che i due MerKozy sono arroganti, ma il “nostro” governo, la maggioranza, il Primo Ministro, se li meritano tutti questi sberleffi.

La malattia dell’Italia è Berlusconi!

         Siccome Berlusconi è un miliardario non può aver subito la crisi, di conseguenza ha potuto sempre sostenere che “la crisi non c’è”, punto. Ora che l’Unione Europea ha presentato il conto  e sta per commissariare il governo, forse ha preso coscienza che una crisi c’è e che deve correre ai ripari. Ma, neanche a dirlo, sta pensando ancora di dare un’altra stretta alle pensioni nonchè ad altre tasse per noi comuni mortali, mentre per i furbi, la casta politica, gli evasori fiscali, e tutti coloro che fraudolentemente si sono arricchiti, per loro niente tasse, ma solo condoni.  Condoni per le loro ruberie, condoni per tutti coloro che della legalità si son fatti un baffo. Compreso lui, che se facesse passare la patrimoniale sarebbe quello che dovrebbe allo Stato più di chiunque altro, quindi, tranquilli lor signori, non verranno toccati, niente patrimoniale!

Priorità agli interessi personali e familiari del sovrano d’Arcore

         In piena crisi economica e di credibilità delle nostre Istituzioni, oltre a preoccuparsi sempre di intercettazioni, processi lunghi e processi brevi, ora ha scoperto di avere un problema anche in famiglia con la distribuzione del suo patrimonio fraudolento messo insieme. Il suo problema è: come distribuirli ai figli e fregare la moglie. Quindi necessita di una legge che modifichi il diritto di famiglia allo scopo di realizzare i suoi obiettivi famigliari secondo le sue priorità. Ci sarebbe tanto da ridere se non ci fosse, per tutti noi, un dramma a cui nessuno all’interno di questa maggioranza sgangherata intende porvi adeguato rimedio. C’è da augurarsi che stia finalmente arrivando al capolinea!

F.to gaetano paglialonga

Collepasso, 26/10/2011

         

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *