LA RABBIA DI UNA GENERAZIONE E LA REAZIONE DELLA MIGNOTTOCRAZIA AL POTERE.

 

 immagine-23.jpg

            C’è sempre stata, ma oggi più che mai, parte dell’opinione pubblica con il  vezzo di tranciare giudizi sulla base di quanto la TV di Stato e Mediaset del bunga bunga hanno ritenuto opportuno far sapere. Non hanno il minimo dubbio che le informazioni ricevute possano  essere di parte. Non ci provano nemmeno a mettersi nei panni di coloro che protestano, che s’incazzano.

            Però, gli stessi individui, pronti a disgustarsi e a condannare le altrui rivendicazioni sia nel contenuto che nella forma espressa, se a questi stessi venisse a mancare solo qualche euro sulla loro pensione, sul loro stipendio, “si salvi chi può!”. Altro che manifestazione violenta, altro che scontro con la polizia, sognerebbero già ad occhi aperti una strage nei confronti di coloro che si son macchiati di un simile abuso contro i “loro sacrosanti diritti”. Bene, anzi male, come definire simili atteggiamenti? ipocriti? egoisti? egocentrici? O cosa?!?

Ebbene, questi strampalati homo sapiens, questi asociali primitivi degni di vivere in caverne preistoriche, sono coloro che votano in un modo tale da eleggere in parlamento schiere di pregiudicati inquisiti a vario titolo, con in testa il Primo ministro, il quale  sì è fatto grande e grosso sguazzando in pozzanghere  mafiose.

Così, grazie a questi elettori che si credono più furbi, ci tocca subire il paradosso che, mentre i ladri di Stato e gli evasori fiscali coperti e garantiti da questo Governo del bunga bunga stanno dissanguando le finanze nazionali, nello stesso tempo, questi stessi ladri legalizzati, si scandalizzano che dei giovani studenti, i quali non vedono prospettive per il loro futuro, manifestano vivacemente il loro dissenso nei confronti di un governo dissennato e antipopolare. E propongono, per fermare questa ondata di dissenso nei loro confronti, leggi e condizioni autenticamente fasciste, quali il D.a.spo., (restrizioni di libertà) da applicare ai manifestanti.

Questo, non altro, dà la consapevolezza che, questo Governo sconsiderato e diabolico, puttaniere e fascista che ci troviamo, non è lì per caso, ma rappresenta bene proprio quell’elettore egoista innanzi descritto, il quale, unitamente a tutti i farabutti di ogni risma, riesce ad eleggere un Governo così forcaiolo. Governo, che ci sta facendo scivolare sempre più verso una decadenza, oltre che economica e sociale, anche in una disonorante povertà morale.

Ma, proprio mentre il movimento studentesco comincia a dare fastidio al potere, perché lo stesso potere non riesce più a nascondere il loro disaggio, eccoli pronti gli utili idioti, i soliti fascisti che, unitamente alla solita parte dei “servizi segreti deviati”, si, sempre loro, sono deviati perennemente, hanno già messo la prima bomba senza farla esplodere in una stazione della metropolitana di Roma. Il potere vero, tramite questi suoi utili idioti, manda a dire agli studenti: “smettetela con queste manifestazioni politicizzate, restate in casa a studiare, altrimenti la prossima volta la facciamo esplodere e daremo la colpa a voi, come abbiamo saputo fare così bene in passato. Se non ci credete domandatelo ai vostri genitori come li abbiamo bloccati con le stragi negli anni settanta e ottanta”.

F.to gaetano paglialonga

Collepasso. 22/12/2010

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *