LA PALESTINA TERRA SANTA?

Sarà, però…

Palestina 2009
Gli Israeliani, o meglio, il governo e l’esercito Israeliano, (conviene sempre precisare bene quando si parla di quel Paese, di quel Popolo, altrimenti ti inseriscono subito nella lista nera dei nazi-fascisti, ma soprattutto, fanno in modo da farti passare per un anti-semita anche se esprimi solo un’opinione negativa sulla degenerazione che il sionismo dei loro padri fondatori ha subìto nel corso di un secolo. Ahi Sem, che indocile progenie fu la tua!) agiscono con i palestinesi con uguali criteri che gli americani applicarono nei confronti degli “indiani”, l’indigeni locali: “il genocidio”.
Infatti, copiano la tracotanza dei loro amici americani ed hanno, anche questi come gli americani, stabilito che per ogni israeliano ucciso dai musulmani palestinesi occorrerà ucciderne cento palestinesi musulmani, (i nazisti si accontentavano di dieci a uno) senza dimenticare che un terzo almeno devono essere bambini da zero a dodici anni circa. Puntuali, hanno già fatto! (Erode ne uccise di meno).

017_child_gaza_city_attack_january_6_20081.jpg
Ammesso che fossero morti solo trecento bambini, come mai questi politici e militari israeliani non finiscono nelle mani del tribunale internazionale per crimini contro l’Umanità? Ma non è forse vero che per molto di meno, tipi come Milosevic e Saddam Ussein, sono tragicamente spariti dalla faccia della terra?
Ho un pessimo presentimento: Se il popolo d’Israele tarderà a fermare i suoi guerrafondai politici e militari, e non riuscirà a instaurare un rapporto di pari dignità con i suoi vicini, non solo assisteremo alla produzione di centinaia di quei famigerati falsi “protocolli dei savi di Sion”, e una marea montante di antisemitismo, ma, c’è anche il rischio concreto che prima o poi venga fuori un nuovo Nabucodonosor, o un Tito, o un Adriano, che ributterà a mare loro e la loro intolleranza razzista (di origine religiosa) nei confronti di chi non fa parte del “popolo eletto”, quindi non ha alcun diritto sulla loro(?) “terra promessa”.

012_child_gaza_city_attack_january_6_20081.jpg
Un augurio a tutti gli israeliani affinché riescano a fermare le loro scalmanate autorità, prima che il sangue di tutti gli innocenti che stanno trucidando, faccia impallidire il loro drammatico olocausto, subìto dagli ebrei della diaspora, nel secolo scorso ad opera del nazismo.

Gaetano Paglialonga
Collepasso 15/1/09

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *