I primi 150 anni dell'Italia.

 

 images.jpg

 AUGURIAMO ALL’ ITALIA  IN  OCCASIONE DEI SUOI PRIMI 150 ANNI, UN AVVENIRE SENZA BOSSI   E  SENZA BERLUSCONI.

 

 Fratelli d’Italia,

l’Italia s’è desta, dell’elmo di Scipios’è cinta la testa. Dov’è la Vittoria? Le porga la chioma, che schiava di Roma Iddio la creò. Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò. Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì!  Noi fummo da secoli calpesti, derisi,perché non siam popoli, perché siam divisi. Raccolgaci un’unica bandiera, una speme:di fonderci insieme già l’ora suonò. Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte,l’Italia chiamò, sì!  Uniamoci, uniamoci, l’unione e l’amore rivelano ai popoli le vie del Signore. Giuriamo far liberoil suolo natio:uniti, per Dio, chi vincer ci può? Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì! Dall’Alpe a Sicilia, Dovunque è Legnano;Ogn’uom di Ferruccio Ha il core e la mano; I bimbi d’Italia Si chiaman Balilla; Il suon d’ogni squilla I Vespri suonò. Stringiamoci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì! Son giunchi che piegano Le spadevendute; Già l’Aquila d’Austria Le penne ha perdute. Il sangue d’Italia e il sangue Polacco Bevé col Cosacco, Ma il cor le bruciò. Stringiamci a coorte, siam pronti alla morte. Siam pronti alla morte, l’Italia chiamò, sì!

 *******************

Questa sera nella piazzetta antistante il Palazzo comunale, è convocato il Consiglio comunale monotematico con all’ordine del giorno la festa dell’unità d’Italia. Saranno conferite le cittadinanze onorarie a due illustri professionisti. Musica e canti patriottici eseguiti dagli alpini.

Collepasso  17/ 3/ 2011—17 /3/1861

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *