“GRANDE NAZIONE”


images1.jpg

“GRANDE NAZIONE”

Sono passati 13 anni dall’ultimo singolo di inediti dei Litfiba. Da allora difficoltà di comunicazione e troppa pressione avevano creato la miscela per l’esplosione perfetta. Però dopo anni di silenzio i Litfiba son tornati. L’ascolto di Grande Nazione ultimo loro album rassicura i fans storici della band, quelli di Terremoto, El Diablo e Spirito. Piero e Ghigo non hanno perso la vena rock, sono energetici e pungenti. Nel cd la rabbia e il rock delle origini si abbracciano. Diciamocelo in Italia eccetto Vasco e Ligabue di gruppi rock di un certo livello non è che ce ne siano molti e i Litfiba ci son mancati. Magari saranno un pochino demagogici, ma lo sono sempre stati e in fondo è un peccatuccio veniale, e in più scagli la prima pietra chi non lo è. Magari un pelo caciaroni, ma sono sempre piaciuti anche per quello. Sicuramente ironici, altrimenti non avrebbero intitolato questo disco Grande Nazione, ma è una carriera intera che è lì a testimoniarlo. Certamente autoironici altrimenti Pelù non si truccherebbe come Jack Sparrow, che poi è la stessa cosa, sempre di Pirati di lungo corso si sta parlando, ed inoltre Pirata è uno degli Lp più famosi dei Litfiba.

Comunque l’ascolto dell’ultimo lavoro conforta innanzitutto sullo stato di salute dei due ragazzi, in piena forma vocale Piero Pelù e in piena salute Ghigo Renzulli. Ma l’ascolto del loro disco e del loro ritorno alla ribalta sulla scena nazionale conforta sopratutto perché ha un’unità, una solidità e una logica che ogni lavoro con un prospetto preciso alle spalle dovrebbe avere. Il tiro è decisamente rockeggiante, un rock di casa nostra, un rock immediatamente identificabile col “bandido Litfiba”. La linea dei testi pesca inoltre a piene mani nell’attualità politico-sociale e nei luoghi comuni della nostra Grande Nazione….I testi scritti, infatti, per lo più in pieno Governo Berlusconi, raccontano del disagio degli Italiani e sono lo specchio della società di oggi! Insomma i testi creano controversie, sono forti, polemici e protestano contro il malaffare dei politici attuali.

La loro è una voce libertaria e anarcoide, fuori dal coro, la volontà del gruppo è sempre la stessa, quella di creare scompiglio, curiosità, voglia di cambiare. Hanno ancora il coraggio, come pochi, di dire la loro sempre e comunque senza curarsi delle conseguenze. Certo oggi le cose con il governo Monti sono un po’ cambiate, ma il Berlusconismo è ancora vivo e bisogna stare attenti, il segnale è nel salvataggio di Cosentino e nell’annullamento del referendum, le ombre continuano a rimanere nel paese….L’album in fin dei conti sembra la seconda puntata del mitico “Terremoto” che uscì nel lontano 93, ben 19 anni fa. Dopo la sua uscita nacque la seconda Repubblica che è stata addirittura peggiore della prima; la corruzione infatti si è espansa. Se ora vogliano sperare che nasca la terza Repubblica, bisognerà levare di torno i corrotti, corruttori e ladri che hanno portato il nostro paese a tale preoccupante livello economico e sociale, sperando che alle prossime elezioni non si votino sempre i soliti noti.

Il problema secondo il mio punto di vista è che il potere cambia faccia ma non lascia quel che è riuscito a conquistare. Questo per dire che il rock per me è critica sociale e dovrebbe rimanere tale anche se molte rockstar pensano solo a stabilire chi è la più bella o il più bello del reame…..Tornando ai nostri credo che il loro ritorno sia salutare per il rock italiano, il loro ultimo cd è inoltre composto da canzoni che di sicuro funzioneranno bene anche nei Live, una prova quindi che soddisferà i loro numerosi fans sparsi sulla penisola ma che non mancherà di rendere felice anche la scena musicale italiana che lieta ringrazia innalzando un unanime e sentito Bentornati Litfiba, con la convinzione che essi sono ancora vivi e lottano insieme a noi!

ANTONIO LEO

Collepasso, 13/2/2012

  1. Questa sera a Melpignano alle ore 21, evento per gli appassionati del “Rock’n'Roll made in Italy”. Infatti, presso il convento degli Agostiniani dove si svolge la “Notte della Taranta “, ci sarà il concerto dei LITFIBA((con Piero e Ghigo) che ritornano per la prima volta nel Salento dopo la famosa Reunion del 2010! By Sogni di Rock’n'Roll.

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *