Gli imprenditori scendono in campo

 1213804019970_cipputi.jpg

Folla di imprenditori e tuttologi nel Consiglio regionale pugliese. Niente lavoratori dipendenti, né pensionati, questi, sono solo autorizzati a votare per lor signori.

Eletti nel Partito Democratico: Iniziamo dal leader della classifica di  imprenditori, 1) Gerardo De Gennaro. Fattura oltre 300 milioni di euro. E lavora esclusivamente con appalti pubblici; 2) Nicola Canonico, già consigliere uscente. Imprenditore edile, controlla la Ru.Ca., lavora molto per la regione ed è in arrivo un appalto da 150 milioni di euro per un grosso intervento al policlinico; 3) il consigliere regionale Bartolomeo Cazzoli, sempre del PD, ed è consigliere della L&B capital srl e della L&B partners spa Milano, al società si è aggiudicata un Por di 6 milioni di euro, 4) sempre ne PD risulta eletto consigliere regionale Giovanni Epifani, al quale fanno riferimento una serie di società immobiliari, la Rispetto Ambiente srl (rifiuti) e la Exergia, società che si occupa di energia rinnovabile. E si sa quanto queste vanno molto.

            Nell’Idv troviamo Orazio Schiavone, (condannato in primo grado per esercizio abusivo della professione di odontoiatra, alla faccia di Di Pietro), inoltre schiavone è amministratore della Sm Servizi srl.

            Nella lista civica del cattocomunista populista Nichi Vendola, troviamo Angelo di Sabato, 38 anni, direttore generale della Coop Ariete, uno dei principali appaltatori esterni delle Asl pugliesi.

Nella lista sempre di Vendola, però in  Sinistra Ambiente e Libertà, ne troviamo ancora uno di imprenditori, un certo Dario Stefano, titolare di un’immobiliare e di una ditta che vende carburante.

            Nell’UDC, la tendenza imprenditoriale è invece nell’edilizia, nel mattone, e troviamo,Salvatore Negro amministratore unico della Meridionale Srl. Inoltre emerge con prepotenza di preferenze, Giuseppe Longo, eletto a Bari,è amministratore di Edilizia e Ambiente srl; Costruzioni Domus; Edilizia e Residenza; Immobiliare degli Ulivi.

            Nel centro destra il re delle preferenze risulta essere un certo Massimo Cassano, un altro esponente della galassia Di Gennaro (Il Di Gennaro è quello già visto nel centrosinistra. Notare come sanno collocarsi bene al fine di garantire  gli interessi delle loro aziende, chiunque vince, centro destra o centrosinistra, vincono sempre le loro aziende) Sponda Lum. Il suddetto Professor Cassano oltre che assistente nella cattedra di filosofia del diritto e Storia del diritto italiano, è consigliere di Banca Aurora dove siede con i proprietari della ferromtramviaria e con i gestori di altri busines della famiglia Di Gennaro, come l’interporto. Inoltre il PDL vanta un altro imprenditore, un certo Michele Boccardi, è impeganto nel mondo della ristorazione; inoltre, Antonio Buccoliero, si muove nell’ambito della sicurezza,: ex carabiniere è oggi socio della Buccolieri investigazioni; Infine, Tato Greco, leader della puglia prima di tutto, è presidente della finanziaria New Recover Credit.

Certo è che con una compagnia di questa natura, al Presidente non gli basteranno i salti mortali, sarà costretto invece a ricorrere ai miracoli. Quindi, dovrà invocare un intervento di padre Pio per riuscire a realizzare qualche cosa di sinistra. Ma siccome è risaputo che padre Pio in vita è sempre stato di destra, sara improbabile che interverrà per fare un miracolo di sinistra.

Ehhhh sì, è proprio vero, Berlusconi ha fatto scuola! I padroni stanchi di pagare le tangenti ai politici, si stanno mettendo in proprio. Ma la cosa più scema è che i loro sfruttati, gli operai, gli impiegati, addirittura li votano, si, votano per i loro sfruttatori! Più scemi di così li volete?

 Firmato Cipputi

Collepasso 19/4/2010

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *