(Federazione della Sinistra)

 

immagine1211.jpg

L’ALTERNATIVA PROGRAMMATICA DELLA SINISTRA ANTAGONISTA.

(Federazione della Sinistra)

La spesa militare complessiva per il 2011 è di 24,4 miliardi di euro. Solo per i nuovi sistemi d’arma nell’anno corrente si spenderanno 5,7 miliardi. Il costo pluriennale dei cosiddetti programmi di ammodernamento è di: 18 miliardi per gli Eurofighter, 15 miliardi per l’acquisto dei 131 cacciabombardieri F35, 5,7 miliardi per le fregate Fremm, 3,9 miliardi per 100 elicotteri NH90, 1,88 miliardi per 4 sommergibili U-212 e altro ancora. Così, mentre siamo sull’orlo dell’abisso del fallimento, i nostri politicanti pensano di invadere tutto il mondo con le armi. Che scemi!

È ora che la smettano di pensare di poter fare la guerra a tutto il mondo.  È opportuno ricordargli l’artico 11 della Costituzione e il ruolo che assegna alle Forze Armate, cioè solo la difesa dei confini italiani. Quindi tutte queste enormi spese militari che fanno la gioia degli armatori e di certi politicanti pronti a intascare tangenti sugli affari in corso, non solo sono in contrasto con i principi costituzionali, ma è anche una spesa che un sistema economico, il quale non riesce più tenere in piedi scuola ricerca e sanità, queste stravaganze da guerrafondai ridicoli, questa spese folli da ubriachi fradici non se le devono, né se le possono più permettere.

                                immagine-098.jpg

 Ecco dettagliatamente le proposte della Federazione della Sinistra. Prendere i soldi dove furtivamente sono stati accumulati. Distribuire quei miliardi di euro a chi è stato, in questi ultimi 15 anni, defraudato. Ai lavoratori dipendenti e ai pensionati va restituito il mal tolto. Questa operazione una volta si chiamava ridistribuzione della ricchezza.  Ricchezza accumulata attraverso evasione fiscale e ruberie varie. Non è l’Italia che sta male, sono i lavoratori e i pensionati che stanno malissimo, mentre una minoranza straricca, dopo aver rubato in lungo e in largo, se la gode alle spalle di chi ha sgobbato un avita. Questo programma di giustizia sociale, è la nostra proposta per far ripartire il paese. 

 immagine08-037.jpg

Ma il “nostro” Governo più pazzo del mondo… Tutte le forse sociali ed economiche, tutti gli osservatori internazionali, tutti i governi degli altri paesi capiscono che è suicida andare avanti così. Ma lui, il sovrano d’Arcore, si arrocca in una difesa disperata. Non molla, non si dimette. Ci vuole trascinare, con la sua sbrindellata maggioranza, nel totale fallimento dell’Italia tutta. Questa sua maggioranza, infarcita dei “scilipoti”, esiste solo per salvare se stessa con i voti di fiducia o per risolvere i problemi giudiziari del premier e dei suoi alleati. Questo loro autentico delirio di onnipotenza, questo loro disprezzo per la democrazia, ci trascinerà nel disastro. Coloro che hanno votato questi Senatori e Deputati così poco onorevoli hanno tanto di che riflettere.

 

 

 

F.to gaetano paglialonga

Collepasso 26/9/2011

 

 

  1. “Solo chi cade ha la gioia di potersi rialzare” diceva mio nonno per consolarmi, ogni volta che cadevo. Certo se con noi cadesse anche l’intero maledetto sistema, se anche chi ha provocato la crisi si ritrovasse col didietro per terra, impossibilitato a rialzarsi senza il nostro aiuto che gli negheremmo, potremmo dire che non tutto il male viene per nuocere. Ma sappiamo che questa è pia illusione, gli sciacalli non moriranno, se non con un vero e proprio terremoto simile a quello che cancellò i dinosauri. Da che mondo è mondo chi detiene il potere non ha mai pagato i propri errori, ma sempre i poveri cristi che purtroppo, nonostante si fossero evoluti, nonostante l’istruzione alla portata di tutti, il loro modo di fare è rimasto identico agli analfabeti che ci hanno preceduti nei secoli passati. E si continua a subire come pecore, ogni e qualsiasi sopruso. Stando così le cose e se non riusciremo ad organizzarci per creare un “sistema diverso”, a fare il botto saremo solo noi”.
    Maria Pia C.

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *