EWA GRILL (2), TRA BOLLE DI SAPONE E PALLONI GONFIATI!

immagine666.jpg immagine558.jpg

Articoli apparsi sulla Gazzetta di lecce il primo e sul quotidiano il secondo.

EWA GRILL, TRA BOLLE DI SAPONE E PALLONI GONFIATI!

Siccome su questo sito si è già parlato di questo distributore Ewa grill sempre in termini corretti, con le dovute “se” e “ma” nei confronti delle accuse formulate da altri, penso sia giusto e doveroso dare un’ulteriore informazione su questo distributore ai frequentatori di questo sito. Distributore che era stato definito “in odor di camorra”  tramite un temerario volantino del P.D. locale dal titolo “Emergenza illegalità”.

A questa supposizione, rivelatesi del tutto una cantonata, il responsabile della gestione del distributore cooperativa “L’Orizzonte”  aveva chiuso i battenti sospendendo i 5 lavoratori che lì prestavano la loro opera. I lavoratori sospesi si rivolgono al Sindaco Paolo Menozzi. Il Sindaco chiede ed ottiene, pare, su richiesta degli interessati, un incontro con gli organi istituzionali preposti a garanzia della legalità e dell’ordine pubblico: il Prefetto Giuliana Perrotta e il comandante provinciale dei carabinieri Maurizio Ferla. E lo ottiene.

Da questo incontro scaturisce il comunicato con il quale le suddette autorità garantiscono che, “allo stato, nulla è da addebitare alla gestione del distributore, in quanto l’impianto è sottoposto ad amministrazione giudiziaria che ne ha affidato la gestione alla cooperativa”. Invito comunque tutti a leggere gli articoli de “La Gazzetta del Mezzogiorno” e del “Quotidiano di lecce” sopra riportati.

I cittadini di Collepasso possono tornare tranquilli, la camorra non ha ancora messo piede nella nostra comunità. Si è trattato solo di aria fritta, di una accusa campata in aria. “Fatti non foste a viver come bruti,…”

E auguri ai lavoratori sospesi che dovrebbero ritornare al lavoro quanto prima.

F.to gaetano paglialonga

Collepasso, 2/5/2012

  1. Chiedo: ma nessuno paga le conseguenze per le accuse lanciate sempre li giusto per fare del male…. alcune personaggi devono sparire da Collepasso!!! BASTA!!!!

    Reply
  2. Egregio grillo, credo che le accuse, pur se risultano fin qui errate, nonostante ciò, resto convinto che tale errore sia stato commesso per eccesso di zelo, un modo esasperato di agire che non ho mai condiviso, e se ha causato danni se ne farà carico. Quindi non condanno nè assolvo chi li ha commessi. Al massimo mi sento di consigliare più cautela in futuro nell’interesse suo e dei cittadini. E’ questo il senso che volevo trasmettere con le mie riflessioni fin qui espresse su questo sito. In quanto al sig. Salvatore Perrone, penso, a torto o a ragione, che non l’ho considerato mai uno stinco di santo, politicamente s’intende, nè tanto meno lo considero adesso che ha avuto ragione su uno dei punti che lo riguardano. In quanto allo schieramento politico di cui è esponente, posso esprimere solo il massimo disprezzo politico, poichè ha contribuito con i voti che ha indirizzato e indirizza, ad eleggere il più vergognoso dei primi ministri italiani. A te potrà sembrare cosa trascurabile, per me è fondamentale. Nonostante ciò, pur non potendomi dire credente, applico sempre la massima cristiana del “dare a Cesare ciò che è di Cesare…”. Come dire, l’antipatia politica non mi acceca del tutto, prova anche tu. Anche perchè l’odio corrode le proprie coscienze e spesso porta a azioni inconsulte, senza contare che l’odiato, spesso, non se ne accorge neppure e continua a vivere tranquillo nelle sue certezze. Quindi, è sempre meglio utilizzare la dialettica politica, senza pretendere di ottenere subito dei buoni risultati, ma alla lunga ha sempre prevalso. Senza rancore, gaetano

    Reply
  3. Ancora per Grillo.
    Siccome sono convinto che sei un simpatizzante, se non “compagno” di partito di Salvatore Perrone, vorrei che tu spiegassi su questo stesso spazio perchè, a distanza di una settimana dall’avvenuto chiarimento a Lecce presso la Prefettura sull’”odore di camorra”, ancora oggi non ha ripreso l’attività e quindi la riassunzione dei lavoratori. Non voglio pensare che tutta questa operazione si rilevasse una specie di foglia di fico dietro la quale si cela qualche altro problema di diversa natura. Se puoi, informaci tu, sul perchè quel distributore è ancora chiuso. saluti gaetano

    Reply
  4. forse dovresti dircelo tu visto che il tuo è presumibilmente un blog di informazione che anche in passato è stata “base” di una lettera di salvatore perrone. Poi se ne lu chiedi spicci mprima pensu

    Reply
  5. X Grillo
    Sei sensibile come le foglie, non intendevo offenderti, pensavo veramente che potevi essere a conoscenza di cose che io ignoro. Poi, non ho mai censurato nessuno, salvo che, qualcuno, invece di dire qualcosa, si limita solo a profferire offese e accuse. E per quanto concerne “la lettera di S. Perrone”, non rilevai accuse e pubblicai il suo commento, e pubblicherei volentieri informazioni sul suo conto se me le inviasse. In quanto a chiederle direttamente a lui, beh, non ho confidenza con quel signore. Un blog come questo vive di informazioni, ma non se le può inventare, sono i visitatori dello stesso che possono contribuire a renderlo informato e quindi informare. Perciò, se ti sei offeso porgo le mie scuse, e tutte le volte che vuoi esprimere le tue opinioni io sarò contento di pubblicarle. saluti gaetano

    Reply
  6. offeso di che? tranquillo. Comunque mi dicevano che ieri c’era gente alla benzina…. poi non ho appurato

    Reply
  7. X Grillo
    Meno male che non ti sei sentito offeso. Comunque questa mattina, domenica 6 maggio alle ore 10,30, per la prima volta, assicuratomi che “l’odore di camorra” non c’è più, ero andato a fare benzina ed ho trovato chiuso. Però, siccome c’è anche l’automatico, e neanche questo è in funzione, mi è sorto il dubbio che a mancare sia proprio la benzina oltre “all’odore della camorra”. Mo’ vallo a capire perchè. Mi auguro che sia l’interessato a intervenire su questo spazio a dirci come e perchè, se no non verremo mai a capo di nulla. saluti gaetano

    Reply
  8. La vicenda delle persone chiuse nel cimitero per protesta da lavoratore LSU. Scandaloso come per l’ennesima volta si utilizzi questi mezzi per andare contro questa amministrazione. Io in passato ho sentito parlare a gran voce questo lavoratore che diceva in riferimento anche alla passata amministrazione che doveva avere soldi, so per certo che più di una volta ha litigato con alcuni della passata amministrazione. Ha deciso di attuare questa protesta con l’attuale e la colpa è di Menozzi?
    A prescindere dall’amministrazione e dai soldi che questo lavoratore pensava di dover avere, nel giusto o meno, ha fatto un gesto fuori da ogni logica. Chiudere delle persone in un cimitero in un momento di lutto.
    Ha interrotto un pubblico servizio, mettendo a repentaglio anche la sicurezza dei malcapitati.
    Non so cosa possa fare questa amministrazione che ha subito questa situazione, però ora voglio vedere se ha il “carattere” qualcuno direbbe le “palle” di prendere dei provvedimenti contro questa persona. Un richiamo ufficiale mi sembra il minimo.
    Questi lavoratori entrano in questi posti perchè hanno dei problemi o se “fingene fessi”, a discapito di persone molto più qualificate e serie.
    Oggi giorno nella pubblica amministrazione visto che non si può assumere queste figure entrano in vari modi, anche con qualifiche basse e poi piano piano fanno carriera. Vergognoso verso tanti giovani che meritano sicuramente di più.
    Questa è l’Italia che ci state lasciando di furbi, che pretendono e basta.
    Aspetto a vedere se l’amministrazione Menozzi ha o meno un po di spina dorsale per fare qualcosa.

    In merito a chi strumentalizza questi episodi il mio pensiero è sempre lo stesso…. aggiungo solo che forse sarebbe il caso per la propria salute che si allontani da collepasso per una vacanza di almeno un anno, perchè sta sull’orlo di una crisi, si vede per come scrive e l’annebbiamento nei ragionamenti, probabilmente a fine vacanza riuscirà a dare anche qualcosa in più alla comunità e non solo rabbia e violenza come in questo periodo.

    Reply
  9. X Grillo
    La massima secondo la quale “la gatta frettolosa fa i gattini ciechi”, ha un forte riscontro nell’atteggiamento di qualcuno: vedi “l’odore di camorra” sul caso Ewa Grill. Forse anche nel caso del cimitero continua a partorire gattini ciechi. Io sto alle fonti ufficiali, le quali mi informano, per il momento, che possa trattarsi di “uno scherzo di cattivo gusto”, e tanto emerge dalla dichiarazione del Sindaco apparsa sulla Gazzetta del mezzogiorno di oggi. Questo fatto antipatico, siccome non passerà inosservato agli ordini preposti a fare chiarezza, prima di dire la mia opinione su ciò che è accaduto aspetterò. E dato che il sottoscritto, non è un “uccapertu”, misuro le parole e parlo solo a conoscenze certe acquisite, sempre, e preferisco esprimere la mia opinione a fatti accertati, quindi mi riservo di dire la mia opinione su quanto è realmente accaduto, quando avrò le pezze d’appoggio giuste. saluti gaetano

    Reply
  10. anche se fosse stato uno scherzo, non credi che il custode comunque dovesse stare li sapendo che dentro il cimitero c’era un numero considerevole di persone. Se non erro il custode dovrebbe anche espletare le formalità in riferimento alla sepoltura. Di fronte ad uno scherzo se fosse stato li o nei paraggi avrebbe potuto provvedere subito aprendo il cancello.

    Reply
  11. X Grillo,
    si certo, nè tanto meno la rabbia per questa o quella Amministrazione, o l’orario scaduto della sua prestazione possono considerarsi delle attenuanti nei suoi confronti. Però, se sia stato veramente lui o altri a chiudere i cancelli, fin qui non abbiamo certezze, quindi soprassediamo in attesa di riscontri oggettivi. saluti gaetano

    Reply
  12. anche qui a cassino c’è l’ewa e gode di ottime protezioni, denunciare è inutile e pericoloso

    Reply
  13. egregio Pino Polselli, forse tu su questa questione dell’ewa grill ne sai più di noi, per questo ti invito a fornirci più informazioni. Noi sappiamo solo che il tribunale di Santa Mria Capo Vetere, ha confiscato, già nel 2007, tutti e 114 distributori della ditta ewagrill, e che un commissario del tribunale controlla ora il tutto. Ci stai dicendo che nonostante questo è ancora in forze la camorra su questi distributori? oppure la camorra è solo sulla distribuzione del carburante e non più sui distributori? se puoi anche in forma anonima dacci qualche informazione in tuo possesso, siamo interessati a capirne di più. ti saluta il gestore di questo sito gaetano paglialonga.

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *