È iniziata la “ballata” elettorale.

 

dscn0527.JPG  dscn0532.JPG

La sera di martedì  19 aprile,

due  liste hanno presentato candidati e programmi.

         La lista “Rinnovamento per Collepasso” della candidata sindaco signora M.R. Grasso si è presentata al completo sul palco. Dopo  l’introduzione di uno dei candidati, il quale ha fatto un lunghissimo elenco delle scorrettezze subite da parte di altri esponenti politici, un’autentica geremiade, prende la parola la candidata sindaco e fa un lungo elenco di cose che vorrebbe fare, anzi, che farà se vincerà. Non faccio l’elenco, anche perché sono tutti dello stesso spessore: autentici libri dei sogni. Inoltre, non avendo un vero partito alle spalle, non poteva mancare un richiamo all’“inutilità” dei partiti. Argomento questo, che con maggior convinzione ha voluto esibire anche il referente provinciale del movimento, un non meglio identificato sig. Buccoliero. Ma ciò che più ha colpito gli astanti, è stato l’intervento della moglie di uno dei candidati (un fatto di certo originale), il marito candidato forse era assente(?). Questa, sfoderando un linguaggio trascendentale e chiamando in causa persone già “passate a miglior vita” da don Tonino Bello al papa che stanno innalzando sugli altari, con sicumera ha di fatto traslato i partiti in congreghe, le ideologie in teologie, ed è sembrato che ci volesse invitare tutti in chiesa piuttosto che alle urne. Quanto meno tanto mi è parso di capire da quel suo pio intervento. Sempre così: quando si è di fronte a sfide difficili, ci si rivolge sempre ai santi e alla madonne, e si può capire. Ma tirarle in ballo in politica è fuori luogo! Però, sono ancora in molti a non aver capito che i santi e le madonne in politica non ci mettono il naso, neanche a pregarli e/o esibirli!

Sulla lista l’Unione per Collepasso ho già espresso rammarico per la mancata coerenza politica di sinistra nella passata gestione (però, vista da sinistra antagonista e di classe), che chiunque potrà leggere su questo stesso blog dal titolo: La sinistra che non c’è”. Di nuovo posso aggiungere che in quell’“Unione per Collepasso” tanto ostentato ancora oggi, due terzi dei soci fondatori “hanno chiesto e ottenuto il divorzio per incompatibilità di carattere”, quindi, esporre simbolo, slogan, e parlare di continuità è una forzatura. È stato sciorinato un lungo elenco di progetti per il futuro esposto sempre dal Sindaco uscente e candidato per un secondo mandato dott. Vito Perrone. Infine, un originale e simpatico intervento di una graziosa e simpatica ragazza, alla quale vanno i miei auguri e un consiglio: non parli male di partiti e della politica prima di averne compreso funzione e significato.

 

F.to gaetano paglialonga

Collepasso, 24/4/2011

  1. Francesco Ria 27 aprile 2011, 9:50

    Ce l’hanno fatta caro Compagno Gaetano! A Collepasso sono riusciti a fare ciò che la mente di Veltroni e D’Alema partorì nel 2008 e gli elettori fecero abortire nella culla. La tanto acclamata “indipendenza del PD” a Collepasso ha più possibilità di successo di quante non ne ebbe nel 2008 l’esperienza nazionale che porto all’assassinio del Governo Prodi da parte del principale partito della coalizione (appunto il neonato PD) nella speranza di “potercela fare da soli”: finì, come era ampiamente nelle previsioni, con la vittoria di Berlusconi. Proprio in gamba questi strateghi del PD! D’altra parte come spiegare che il leader Massimo sia ancora lì e venga riconosciuto come uno dei migliori politici in Italia mentre ha solo perso elezioni. L’unico che ha battutto Silvio per due volte su due, ovvero Prodi, lo re(i)legano lontano dalla politica e dalle stanze che contano.
    Quella che tu chiami “mancanza di coerenza a sinistra” è solo una strategia che vuole il PD come unico partito riferimento per sinistra e centro sinistra. E in un modo o nell’altro ce la stanno facendo. Ciò che dispiace e che dietro la bandiera rosso-verde del PD non ci siano ideali nè rossi nè verdi, ma solo difesa del capitale in barba a giovani, precari, disoccupati e pensionati. Auguri a loro. Ma soprattutto: AUGURI A NOI!!!

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *