dalla sinistra politica? alla sinistra religiosa?

la volpe

La politica ha da tempo rinunciato a rappresentare le istanze degli ultimi, ed ha preferito salire sul carro dei vincitori: la globalizzazione  con la sua divinizzazione del mercato e, contro ogni pretesa dei governi di fare della politica non in linea con i diritti del dio mercato.

La chiesa cattolica, con il suo pontefice Francesco, latino- americano, ha, di fatto, scelto di prendere in mano, quanto la sinistra politica ha, di fatto, buttato alle ortiche..

Ora, paradossalmente, una chiesa che è sempre stata contro tutto ciò che appariva e puzzava (per loro) di sinistra, (vedere l’operazione di Carol Woitila,Il papa polacco, sulla Polonia e contro il comunismo. Del resto la chiesa cattolica ha sempre operato così, una botta a destra e poi un’altra a sinistra a secondo le opportunità del momento. Infatti, la chiesa non si è affatto vergognata di porre sugli altari sia un Pio IX , reazionari o fino al midollo e un Giovanni XXIII ultra moderno, come dire: tutto e niente) la chiesa ha sempre deprecato e lottato fino a bruciare vivi tutto ciò che, a loro giudizio, puzzava di sinistra. Ora, con questo papa latino-americano (sinistrorso?), capito lo spazio che si apriva per la sua chiesa, non ha tergiversato affatto e si è buttato a capofitto, dentro la difesa degli ultimi, occupando così, lo spazio politico, lasciato incautamente dalla politica e che è sempre stato della politica di sinistra da almeno dalla rivoluzione francese del 1789, fino a qualche decennio fa. Brutti tempi corrono!  (Il 1984  con il suo “grande Fratello” si avvicina tra tecnologia con sempre meno persone a controllarle e sempre più aspiranti dittatori che crescono, e, pochi, anzi pochissimi, sono coloro che hanno individuato questo pericolo incombente su tutti noi). Insomma c’è poco di che stare tranquilli!

Oggi,  questo papa Francesco,  è deciso a sopperire alla mancanza di una sinistra nel panorama politico nazionale. E va, e trova spazio a iosa. E i poveri di spirito ci cascano eccome.

Infine, penso sia opportuno per tutti, tenere in mente che semmai dovessimo tornare alle condizioni medievali, la chiesa tornerebbe a fare tutto ciò che di disumano ha già realizzato nel medioevo passato.

F.to pagliatano                                                                                                                 Collepasso 20/11/20019

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *