Cucù, Renzi non c’è più???

rensisconi

Cucù Renzi non c’è più???

“Ha vinto la Costituzione repubblicana nata dalla Resistenza antifascista, è stato sconfitto l’establishment, quel groviglio e impasto affaristico politico (con non poche interfacce mafiose) che la Costituzione repubblicana ha sempre detestato e tentato in ogni modo (quasi sempre con successo), con tutti i governi del dopoguerra, di paralizzare, ibernare, costringere nella camicia di forza di una “Costituzione materiale” di segno opposto”.
*****

Renzusconi ha perso la guerra contro la democrazia costituzionale!!!

            Nonostante ciò, Renzusconi c’è, c’è eccome!!! Le sue dimissioni, infatti, sono solo una mossa tattica buona per i bischeri. Renzi è il più doroteo di tutti i dorotei apparsi sulla faccia politica dell’Italia. Tra una proposta furba e l’altra sta disponendo tutto al fine di ritornare più bello di prima, più decisionista che mai. E, la sinistra all’interno del PDR, STA A GUARDARE.

Il guaio è che anche il Presidente della Repubblica, facendo il suo dovere secondo quanto la Costituzione gli assegna, finirà con il dare un nuovo mandato a questo pessimo doroteo. Così, coloro i quali hanno sempre pensato che la DC era sparita se la ritrovano più viva e operante che prima e, peggio, è la parte più becera della vecchia DC. E tutti gli ex PCI, di fatto, sono stati egemonizzati dalla parte più becera degli ex democristiani.

Sulla proposta del ex sindaco di Milano Pisapia, mi pare sia il caso di esprimere la mia idea con chiarezza. Certo, sarebbe praticabile la sua proposta che vuole una sinistra a sinistra del PD, unita in un utile disegno progressista. Ma ciò sarebbe auspicabile solo se Renzi non fosse più il segretario di questo PD, e del  suo PDR non restasse più traccia alcuna; quindi, si dimettesse da segretario; e dicesse addio per sempre al suo progetto del partito della nazione, facendo così l’ultimo passo per liberare la sinistra politica dalle ambiguità foraggiate fin qui da questo boy scout invadente. Certo, sono convinto che la valanga dei NO non sia stata sufficiente a fargli fare un passo indietro definitivamente, purtroppo.
F.to pagliatano

Collepasso, 1’/12/2016

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *