CONSIGLIO COMUNALE mercoledì 5/4/2012

 

 dscn2619.JPG  dscn2620.JPG

CONSIGLIO COMUNALE mercoledì 5/4/2012, ore 10

presso la sala consiliare in via Battisti.

L’argomento principe di questo consiglio comunale ruota intorno all’ennesima proposta di modifica della circonvallazione “Gallipoli-Otranto”. Infatti, oltre alle quattro interrogazioni con risposta del sindaco (tre dalle opposizioni e una dalla maggioranza), è sulla nuova proposta della Provincia di  un nuovo percorso della tangenziale che è focalizzata l’attenzione di molti. Dopo aver ascoltato il comizio la sera di lunedì 2 aprile del consigliere di minoranza Vito Perrone, e cercato e visionato dei documenti sulla questione, penso che un’idea son riuscito a metterla insieme. Almeno credo, se così non fosse, resto in attesa di ulteriori spiegazioni da parte degli interessati, e, magari, confutare questa mia ipotesi intervenendo sullo spazio per i commenti.

immagine66.jpg

Sopra la cartina sulla quale è tracciato il percorso della tangenziale di ultima “generazione”. A sinistra inizia il percorso dalla strada di Parabita, con i due imbocchi, uno voluto da Collepasso ( quello che coincide con la circonvallazione che porta verso Galatina), l’altro dagli amministratori di Parabita (partirebbe più sopra, vicino al distributore di carburanti in costruzione). Così l’Amministrazione provinciale di centrodestra ha fatto contenti tutte e due le amministrazioni di centrodestra di Parabita e di Collepasso. 

La prima proposta dell’Amministrazione provinciale era la più sensata, ma poi si sa, quando si va a danneggiare qualcuno, questo a buon diritto si lamenta. Quindi sorgono le più svariate e cervellotiche proposte come soluzioni miracolose. In realtà sono delle pseudo soluzioni a danno degli interessi generali e del buon senso amministrativo. No, non sono schierato a “prescindere”. Per me la migliore soluzione era la prima proposta dell’amministrazione provinciale, punto.

Altre cervellotiche soluzioni, per demerito delle amministrazioni locali, sono le tre vie di collegamento con la strada di maglie. Anche qui, c’era qualcuno  che restava danneggiato, ma mentre si spostava la prima ipotesi per salvaguardare uno, si danneggiava un altro. Quindi terza ipotesi, ma ahi noi, anche così ci rimetterà qualcun altro.

Se non avesse vinto l’interesse particolare, e si fosse accettata la prima ipotesi dell’Amministrazione provinciale, si sarebbe realizzata una circonvallazione logica, lineare e nell’interesse di tutti coloro che quella circonvallazione la utilizzeranno.

Più nel merito dell’ultima proposta per quanto riguarda l’innesto sulla via di Maglie: una va più diritta e si innesterebbe a poche centinai di metri dall’incrocio Maglie-Casarano-Collepasso, Masseria grande. Un’altra si innesterebbe sulla strada di maglie di fronte alla fabbrica di Pino Antonio. La terza sfocerebbe invece di fronte alla strada interpoderale che costeggia la masseria “coia-sieru”. Si, è molto irrequieta e ballerina questa circonvallazione, e mercoledì mattina, in consiglio comunale, sentiremo gli uni e gli altri difendere il loro punto di vista che coincide…Ma, chi lo sa. Io mi auguro che facciano un passo indietro tutti e si adotti la prima soluzione proposta dall’Amministrazione provinciale, ammesso che ci siano ancora le condizioni per realizzarla.

F.to gaetano paglialonga

Collepasso, 3/4/2012

 

 

 

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *