BOTTI DI FINE D'ANNO IN AFGANISTAN

 immagine08-006.jpg

Ovvero la strategia vincente di Obama e della NATO

 

http://www.pugliantagonista.it/osservbalcanibr/afghan_capod.htm

 

 

Dopo gli annunci del mese scorso di Obama e della Nato di aumentare gli aiuti alle forze armate afgane nell’addestramento, nella professionalizzazione e  nel rendersi autonomi nell’utilizzo delle nuove tecnologie, dobbiamo effettivamente registrare che tale addestramento sta effettivamente dando i suoi frutti, per l’entusiasmo, anche un po’eccessivo, col quale i soldati afgani hanno accolto la notizia.

Quanto i soldati afgani stiano apprezzando lo sforzo dell’intera coalizione è sotto gli occhi di tutti:

in pochi giorni  due episodi che hanno visto coinvolti soldati ed ufficiali afgani addestrati dalla NATO  che con l’avvicinarsi del nostro Capodanno si son fatti esplodere dalla gioia o  si son lasciati andare all’usanza tutta orientale di utilizzare le armi da fuoco al posto dei petardi.

Quanto gli anglosassoni prendano troppo sul serio le cose, ha generato nel primo caso, allarmismo, la conseguente sparatoria con un americano morto e due feriti lievi tra gli italiani e con il malaugurato ferimento ed arresto  del povero afgano che, sicuramente in preda ai malefici fumi di qualche “canna” di  puro Hashish,  non pensava di causare un ennesimo allarme nelle forze internazionali, ovvero quello della serpe che si sta allevando in seno.

 Ieri , poi il fattaccio, a Khost con la morte di ben otto agenti CIA.

Alla notizia  dell’arrivo per il fine d’anno di un gruppo di specialisti della CIA, che  doveva condurre una serie di “interrogatori” su alcuni sospetti talebani presso la superprotetta base di Khost, un ufficiale talebano conosciuto per la passione per i fuochi artificiali  s’era fatto venire direttamente da Napoli , un quantitativo di palloni di  Maradona , teste di Bin Laden , Tric-trac, fontane luminose, tutte dichiaratamente di contrabbando e senza le dovute etichette per la tracciabilità

Tutta roba che doveva essere utilizzata allo scadere della mezzanotte del 31 dicembre  ma, …il diavolo ci ha messo la coda.

 Il solito agente della CIA con gli occhiali scuri, dallo sguardo sveglio e in vena di fregare Ibrahim ,  col codice alla mano ha intimato al povero afgano di mollare la santabarbara pirotecnica poiché “non omologata secondo gli standard statunitensi”.

Uno stipendio intero era costato tutto quel ben di dio al povero Ibrahim, che voleva passare per quello che aveva fatto lasciare col naso per aria tutta la guarnigione di Khost per Capodanno!!

Potete ben comprendere come Ibrahim ha arraffato un pallone di Maradona ed una testa di Bin Laden ed ha incominciato a correre per la Piazza d’armi della superbase di Khost.

Non l’avesse mai fatto!!! Lo sappiamo come fanno gli americani…in otto han creduto di essere allo stadio di N.York in una finale di rugby e si son lanciati da tutte le direzioni sul povero afgano che l’unica porta che voleva raggiungere, a quel punto, vistosi inseguito da certi pesi massimi, era quella del bagno.

Poi il solito incidente, il classico superman che pensando di essere John Wayne nel film Berretti Verdi , con il sigaro in bocca, ha raggiunto l’afghano placcandolo e poi giù tutti gli altri.

…hai voglia che  Ibrahim gridava:

-“ spegnete quel sigaro, state attenti a non stringermi troppo!”-

Macchè! I super agenti della CIA non riuscendo a far mollare la presa ad Ibrahim ,  se lo son caricato sotto il braccio e tutti insieme cantando l’inno della nazionale di rugby si son lanciati verso il centro  della piazza d’armi dov’era l’asta con la Bandiera americana , ritenendola la meta della partita.

… Poi il botto finale con tanto di fuochi pirotecnici  e una strage tutta a stelle e strisce con il povero Ibrahim che non potrà ricevere gli auguri dai suoi commilitoni.

 

Buon anno dall’Afghanistan

Antonio Camuso

Osservatorio sui Balcani di Brindisi

31-12-09

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *