Beati i popoli sprovvisti di materie prime!

 

gheddafi_petrolio_libia-1.png

Beati i popoli sprovvisti di materie prime

perché non conosceranno le nostre guerre umanitarie!

            Sia in Egitto che in Tunisia non c’era petrolio e la questione del ricambio politico governativo si è risolto in poco tempo con “poco” spargimento di sangue. I riformatori o ribelli o come diavolo li si vuol definire son scesi in piazza, hanno fatto saltare i governi. Non hanno occupato né luoghi Istituzionali né sequestrato approvvigionamenti di nessun genere. Né tanto meno è venuto in mente a qualche paese sedicente democratico di imporre con la forza la democrazia. Tant’è che l’Egitto, pur liberatosi dal Mubarak,  la democrazia resta nei sogni degli egiziani e lo stesso si può dire della Tunisia. Però. nessun guerriero della democrazia sta pensando di intervenire sull’Egitto o sulla Tunisia. Come dire, “quando l’acqua (il petrolio) scarseggia, la papera non galleggia”.     

I rivoltosi Libici invece, guarda caso, occupano i pozzi petroliferi, “e te pareva!”

In Libia invece bisogna intervenire, non perché Gheddafi sia più cattivo di tanti altri emiri del Golfo Persico, quelli poi! Altro che dittature, son regimi addirittura feudali e,  in Arabia Saudita nientemeno è teocrazia. Però, siccome sono nostri amici, possono reprimere quanto gli pare, e stanno reprimendo, “citti citti e queti queti”.

Ho provato a immaginare un triste giorno in cui la Lega Nord decidesse, armi in pugno, di realizzare la secessione dei suoi sogni e, scontrandosi inevitabilmente con le forze armate italiane lasciassero la pelle un certo numero di bauscia, e a questo punto le armate democratiche occidentali invadessero l’Italia schierandosi con la Lega nord in nome della democrazia! Poi mi son detto, NO! Non è possibile! Perché noi siamo fortunati, non abbiamo nessun genere di materie prime, quindi, dell’Italia unita o disunita, democratica o totalitaria, non commuoverebbe nessuno. Quindi siamo fortunati noi italiani!

A scanso di equivoci, Gheddafi mi è antipatico per tantissimi motivi, non ultimo perché somiglia come una goccia d’acqua al “nostro” Primo Ministro bunga bunga, ma sono certo che, dietro a questi rivoltosi sono numerosi i Gheddafi!

F.to gaetano paglialonga

Collepsso, 18/3/2011

 

  1. Giambattista Vico 18 marzo 2011, 21:53

    A cent’anni esatti dalla GUERRA DI LIBIA, eccoci di nuovo all’attacco!
    Allora, erano o non erano veri i mei “corsi e ricorsi” della storia?
    E l’articolo 11 della Costituzione Repubblicana? Calpestato ancora una volta.
    Povera Italia!

    Reply
  2. ENZO,ma allora sei proprio un comunista! CIAO GAETANO

    Reply
  3. X Gianbattista Vico, ciò che più rattrista è sentire anche il Presidente della Repubblica sostenere la validità della guerra umanitaria. Neanche lui è sfuggito alla scorpacciata di ipocrisia dominante. Peccato, ha perso qualche punto a mio avviso. L’articolo 11 della Costituzione era lui che sopra ogni altra Istituzione doveva garantirlo, invece…saluti, gaetano

    Reply

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *