Fotovoltaico a Collepasso

 

 

 

immagine0014.jpg  immagine00146.jpg

            Il Sindaco  manda “a tutti auguri di cuore”per le feste natalizie tramite una lettera con la quale approfitta per dire altre due cose, immaginando che, tali informazioni possano essere utili per tutti.

            Esprime gratitudine alla comunità per l’onore che ha ricevuto nel rappresentarci per questi cinque anni. Ma la novità emerge lì quando aggiunge: “…e che potrei continuare a rappresentare solo se vorrà considerarmi degno di farlo anche in futuro”.

            Quindi, è chiaro per chi sa leggere, il Sindaco uscente, dott. Vito Perrone, si ricandiderà nelle prossime elezioni amministrative. E questo non era scontato, si poteva solo supporre. Che dire? Se avrà ben governato la comunità, se avrà mantenuto gli impegni, gli verrà senz’altro riconfermata la fiducia!

Però, mentre il Sindaco invia auguri a tutti con linguaggio sobrio, qualcuno dall’opposizione sparge una quantità notevole di veleno sull’amministrazione e il suo operare quotidiano.

            Il volantino dal titolo:  “LA GRANDE TRUFFA!!!”  a firma di  Azzurro Popolare Sezione di Collepasso, lancia nuove e pesantissime accuse contro chi avrebbe manovrato per far vincere il concorso per Dirigente dell’ufficio Tecnico all’Arch Montagna. Non manca la solita accusa contro il solito Assessore, il quale, a suo dire, sarebbe solo interessato all’affare dei 5 milioni di euro per gli impianti fotovoltaici, e sostiene in modo inequivocabile, che il tecnico, vincitore del concorso, avrebbe chiuso non uno, ma tutti e due gli occhi in cambio di una particolare “cura di alcune pratiche e del superamento del concorso”.

            Che dire: chiunque abbia  stilato questo volantino, o è in grado di dimostrare le accuse gravissime che ha lanciato, e in questo caso ci sarebbe di che vergognarci di aver eletto tali amministratori, oppure ci troviamo di fronte a un temerario incurante delle conseguenze sul piano giudiziario.

F.to, gaetano paglialonga

Collepasso, 25/12/2010

            

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *