La guerra? Si fa ma non si dice…

 

 Quando l’ipocrisia diventa affare di Stato

immagine0014.jpg

 

 Quattro alpini morti… fatalità? La domanda vietata ai giornalisti dai nostri generali

 Quanto è avvenuto,  qualche giorno fa, messi da parte sentimentalismi patriottici e dolorose constatazioni che si tratta di giovanissimi provenienti dal SUD,  che continua a fornire carne da cannone, possiamo dire che si tratta di un normalissimo episodio  militare, da manuale e che statisticamente , è possibile calcolare con largo anticipo  la probabilità che esso succeda per numero di operazioni simili, la quantità di perdite umane e di materiale previste.

In Afghanistan operazioni di allargamento del controllo del territorio tramite FOB ( Basi Avanzate) sono normalissime, e americani ed inglesi sono degli specialisti in questo e calcolano anticipatamente quante perdite sono accettabili nel rifornire , mantenere una FOB e tenerla operativa attraverso operazioni di controllo di territorio remoto.

In poche parole ,  in nove anni di guerra afgana,  è possibile ormai conoscere matematicamente lo scotto che c’è a pagare per ogni centimetro di territorio che si vuol strappare agli insorti e quanto in più c’è da versare, in sangue e denaro per mantenere nel tempo il controllo di quel centimetro conquistato.

Quello che in Italia i  giornalisti non chiedono e che invece in America è anticipato dagli staff del public-relation del Pentagono.

Se ci fate caso, ad ogni conferenza stampa che segue l’inizio di una nuova operazione militare delle Forze armate USA,  i portavoce del  Pentagono rispondono con matematica precisione alle domande dei giornalisti sulle perdite che prevedono di avere, dei costi dell’operazione e dei risultati che si vuol conseguire.

Ebbene da quando gli USA hanno chiesto al nostro contingente di cambiare strategia nel territorio di competenza, tirare fuori il naso dai caposaldi e andare a contendere passo passo il terreno agli insorti , installando nuove basi sempre più remote e  bisognose di rifornimenti continui in uomini  e materiali, ebbene nessun giornalista italiano si è permesso di chiedere ai nostri generali quanto ci sarebbe costato tutto ciò.

Quelle cifre previsionali , morti, mezzi distrutti, ecc  sono da tempo sui tavoli degli analisti del nostro Stato Maggiore Difesa , come anche su quelle del ministro della Difesa on La russa, ma nessuno si permette di chiederlo, poiché sarebbe  una bomba politico-militare,

Invece si preferisce contrabbandare il mito del buon italiano protetto dallo stellone e dall’amuleto che ci si è portati da casa e dal materiale di produzione nazionale che è sempre meglio di quello degli altri contingenti, per poter fare marketing alle imprese armiere nazionali

  troveremmo un giornalista deciso di esser messo alla porta , a vita,   dagli ambienti ministeriali 

e dal suo giornale a causa di una domanda vietata  in Italia.

Si preferisce invece lanciarsi nelle interviste falsamente pietistiche ai familiari e agli amici delle vittime, alle inquadrature di bare avvolte nel tricolore e nel riportare i bollettini di vittoria  dal fronte afgano  e pieni di indici di gradimento rilevati  tra la popolazione locale verso i nostri militari.

 Io speriamo me la cavo, l’importante è arrivare a questo benedetto fine 2011 …

Chissà se un giorno un nuovo filone di cinema neorealista italiano potrà sceneggiare un film  con questo titolo sulla guerra afgana vista dai soldati italiani, quelli veri, come il caporalmaggiore che scriveva su facebook,”- Io mi son rotto dell’Afghanistan e voglio ritornare a casa”-  o come il pugliese che diceva: “-Qui fa un freddo cane e rimpiango il mare del Salento?”-

 Di Antonio Camuso, Osservatorio sui Balcani di Brindisi

 

Dal blog di Beppe Grillo:   Il ministro della Guerra, Ignazio La Russa, vuole ”valutare se armare di bombe i nostri aerei”. E’ incostituzionale, l’Italia ripudia la guerra, ma in effetti i cacciabombardieri dovrebbero bombardare e l’Italia ne ha acquistati 131 dagli Stati Uniti. Per cosa, se non per bombardare i fratelli afgani? Propongo che, come ai tempi del duce, nel teatro di combattimento siano inviati i figli dei ministri, da Piersilvio alla Trota. Per dare l’esempio di come si possa morire per un cazzo. A partire dal figlio di La Russa, Geronimo. Con quel nome non potrà che farsi onore.                         

“Altri 4 morti in Afghanistan. La Russa: “Andiamo avanti come sempre”. E intanto il suo figliolo viene assunto ai vertici dell’ACI. Qualcuno con le palle di dire a questo guerrafondaio di m…a di dare il buon esempio e magari mandarci SUO FIGLIO in Afghanistan? Vergognamoci tutti, per aver permesso a questa gente di salire al potere.” firmato Marco ., Pescara

 Proposto da G.P.

Collepasso, 10/10/2010

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *