Il programma del pregiudicato Licio Gelli della famigerata P2, si sta realizzando.

Travaglio sul programma di licio gell

 

   tesserap2berlusconi.gifclip_image002.jpg

 Tessera della P2 di Berlusconi

 

“dopo aver scrutato a lungo l’albero, ora diamo un’occhiata alla foresta”

 

 “Il Piano di rinascita democratica della P2, consisteva in un assorbimento degli apparati democratici della società italiana , parte essenziale del programma piduistaerano le spire di un autoritarismo legale che avrebbe avuto al suo centro l’informazione. I suoi obiettivi essenziali consistevano in una serie di riforme e modifiche costituzionali onde…rivitalizzare  il sistema attraverso la sollecitazione di tutti gli istituti che la Costituzione prevede e disciplina, dagli organi dello Stato ai partiti politici,alla stampa, ai sindacati, ai cittadini elettori. In particolare andavano programmate azioni di Governo, di comportamento politico ed economico, nonché di atti legislativi. Il piano è stato ritrovato e sequestrato nel 1982 in un doppiofondo di una valigia di Maria Grazia Gelli, figlia di Licio Gelli,maestro venerabile della loggia P2, assieme al memorandum sulla situazione politica in Italia. È stato pubblicato negli atti della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2”.

  Ma Berlusconi intende andare oltre quanto programmato dal suo maestro venerabile Licio Gelli, infatti…

Con la legge così detta bavaglio, della quale vede  addirittura opporsi a questo scellerato progetto di legge persino Fini, suo alleato, servirà a garantire più discrezione e silenzio sui ladri di Stato. I quali, all’ombra del potere centrale, stanno depredando le dissanguate casse statali. Tra i furbetti del quartierino prima, la cricca di amici e esponenti di questo Governo odierna, infine, ci si mette pure la santa madre chiesa con il suo Ior e le varie  operazione più o meno pie, a fare manfrina contro le casse dello Stato. Con escrementi tali, ai vertici dello Stato, non poteva che esplodere il debito pubblico. Ora si cerca di porre rimedio con una nuova finanziaria con la quale scassare ulteriormente le tasche dei lavoratori a reddito fisso, gli unici che pagano quanto dovuto e puntualmente alle casse statali.

  Nello stesso tempo, siccome il programma della P2 prevedeva anche lo scardinamento delle garanzie sindacali, ecco qui che la fiat fa da apri-pista e propone lo scardinamento di una miriade di diritti acquisiti in cento anni di lotte, compreso il diritto allo sciopero. Come sempre CISL e UIL corrono in soccorso dei padroni a spese dei lavoratori,i quali, bischeri anche questi, gli versano la quota sindacale con la quale incassano pure uno stipendio questi autentici furfanti sedicenti sindacalisti. Mentre la Fiom dicendo no a questo accordo capestro, a questo ricatto neanche camuffato, tenendo fede al loro mandato che è quello di difendere i lavoratori, quindi un comportamento chiaro e lineare, viene attaccata come fosse il nemico dei lavoratori e del lavoro più in generale. Ed ora osservate il silenzio assordante anche da parte del partito sedicente di centro-sinistra il PD. Mentre si sta destrutturando il contratto collettivo; mentre si cancellano i diritti fondamentali dei lavoratori; mentre si pretendono contratti persino contro il dettato Costituzionale, il PD, è muto, silente, guarda altrove…Anzi no, Bersani, sottovoce, ha detto che si può fare… Inoltre, questo Governo tutto PDL, a tendenza decisamente fascistoide, al fine di garantire copertura totale a questa tendenza, a rendere cioè, i lavoratori ad un livello più basso degli schiavi storici, sta proponendo di eliminare l’articolo 41 della Costituzione che così recita: L’iniziativa economica privata è libera. Non può svolgersi in contrasto con l’utilità sociale o in modo da recare danno alla sicurezza, alla libertà, alla dignità umana.La legge determina i programmi e i controlli opportuni perché l’attività economica pubblica e privata possa essere indirizzata e coordinata a fini sociali”.   Ecco questa espressione così chiara e dagli indirizzi di diritti umani così semplici, la vogliono eliminare, la ritengono di inciampo per le loro scorrerie da negrieri. Non è più tempo di diritti dei lavoratori, per le masse, è il tempo dei ladri di Stato, degli schiavisti. Sul referendum che si terrà in fabbrica sull’accordo capestro, ad una domanda di che cosa ne pensa sul fatto che gli operai saranno chiamati a decidere in un referendum, l’ex segretario nazionale della CGIL, Sergio Cofferati, così risponde: “c’è un uso strumentale del referendum. Un gruppo piccolo di persone si pronuncerà su una alterazione della Costituzione in una condizione di stato di necessità. E, addirittura, sarà l’azienda a decidere il livello di consenso necessario per rispettare l’intesa sottoscritta”. allora è un suicidio da parte dei firmatari l’accordo? domanda il giornalista. risposta di Cofferati: “si è un suicidio politico sindacale”.Quando osservo poi, che dei giovani precari o disoccupati, si prestano a portare avanti le istanze, a reggere la propaganda, a sostenere i partiti come il PD e/o il PDL, allora penso che sono autolesionisti, che soffrono della sindrome di Stoccolma.  Giacchè sono stati questi partiti, con le loro teorie liberiste a inserire le condizioni liberticide a vantaggio solo dei padroni, meglio conosciuti come ladri legalizzati. Finchè questi giovani non prenderanno coscienza di chi li ha fregati, non arriverà mai una sana e robusta ribellione contro tutti gli aguzzini politici, contro i famelici ladri legalizzati e i suoi alleati mafiosi, nonché contro tutti i ladri di Stato, passati presenti e futuri. Pro memoria per i distratti. Fu con il Ministro Treu di un Governo sedicente di centro-sinistra…Infatti,  Nel giugno del 1997 proposta dal  Ministro del lavoro e della Prev. Soc. Treu, viene approvata la legge 196/97 (“Norme in materia di promozione dell’occupazione”) che prenderà il nome di “Pacchetto Treu” proprio in riferimento all’azione di governo di Tiziano Treu, allora ministro del lavoro. Con questa legge il lavoro interinale e altre forme contrattuali di lavoro atipico entrano a far parte dell’ordinamento italiano del lavoro. Il “Pacchetto Treu” viene considerato come uno dei principali atti legislativi che hanno permesso la nascita del precariato. Poi venne il governo di destra e completò la strage dei diritti dei lavoratori. Meditate giovani, meditate…E che siano coerenti le vostre scelte.

 F.to cipputi

collepasso, 18/6/2010

 Ecco l’intervista a Sergio Cofferati apparsa su La Repubblica del 18/6/2010, cliccare sul testo, apertosi, cliccare ancora e si apre tutto. è un articolo tutto da leggere.

immagine08-037.jpg

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *